Questo sito utilizza cookie per implementare la tua navigazione e inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per saperne di più clicca leggi

Sei qui: HomeAutori Scienzeonline.comZoologiaIl gamberetto con la super vista

Il gamberetto con la super vista

Valutazione attuale:  / 0
ScarsoOttimo 
Come vedono il mondo gli animali? Sicuramente meglio di noi. L’occhio umano, a confronto con quello di altre specie, ha una visione molto limitata dell’ enorme varietà di luci e colori che ci offre la natura. Alcuni animali, ad esempio, riescono a vedere la luce infrarossa e i raggi ultravioletti, ma ce n’è uno, in particolare, che è dotato di una vista al cui confronto tutte le altre impallidiscono: è il Gonodactylus smithii, un piccolo crostaceo che vive nei caldi fondali della Nuova Caledonia.

Questo piccolo stomatopode, infatti, è un vero e proprio campione della visione, poiché i suoi occhi dispongono di oltre dieci tipi diversi di pigmenti visivi, contro i tre che caratterizzano le cellule della nostra retina. Un recente studio condotto da Sonja Kleinlogel, dell’Istituto Max Planck di Biofisica di Francoforte, e Andrew White, dell’Università del Queensland , ha messo in luce una caratteristica inedita di questi piccoli predatori del mare, conosciuti anche come “schiaccia-pollici” per la loro aggressività: quella di distinguere sei diversi tipi di polarizzazione della luce, quattro lineari e due circolari (in cui la luce si muove come una spirale, ruotando attorno ad un cerchio), che nessun altro animale, compreso l’uomo, è in grado di vedere. Questa speciale dote visiva, dovuta alla presenza di particolari recettori della vista, sembra appartenere sia agli esemplari di sesso femminile che a quelli di sesso maschile, per questo è difficile credere che sia legata ai rituali di corteggiamento. L’ipotesi più plausibile, secondo i ricercatori, è che abbia soprattutto la funzione di riconoscere le prede, in condizioni di visibilità spesso difficili per un occhio “normale”.

Nel regno animale non è inconsueto trovare individui capaci di distinguere delle forme di luce polarizzata, ad esempio quella lineare. Alcuni, come le formiche, sfruttano questa capacità per individuare le prede e sfuggire più facilmente ai nemici, oppure la utilizzano nell’accoppiamento. Il Gonodactylus smithii, però, è in grado di distinguere non solo la polarizzazione lineare, ma anche quella circolare, combinando insieme i due tipi di informazione. Il motivo, secondo gli scienziati, potrebbe risiedere nel fatto che questo piccolo gamberetto deve sopravvivere in un ambiente in cui i fenomeni di polarizzazione della luce sono spesso molto intensi. I potenti “occhiali polaroid” di cui è naturalmente dotato esaltano i contrasti di colore e impediscono il passaggio delle onde luminose riflesse dall’acqua e dalle superfici argentee di molti pesci marini, che possono facilmente ingannare un occhio poco allenato, ma non certamente quello del piccolo crostaceo, che può così distinguere la presenza di prede semi trasparenti e quasi invisibili a occhio nudo, oppure quella di pericolosi predatori. Il gamberetto della Nuova Caledonia, grazie alla sua varietà di pigmenti visivi, alla sensibilità alla luce polarizzata, ai complessi movimenti oculari, è sicuramente l’animale con la vista più acuta ed è un eccezionale strumento per comprendere i meccanismi della visione.

Il fenomeno della polarizzazione è molto comune in natura, dove la luce naturale può variare da una forma completamente non polarizzata, come quella della luce solare diretta, ad una forma altamente polarizzata come quella generata dal riflesso della neve o dell’acqua. L’occhio umano non è in grado di distinguere la luce polarizzata; per poterlo fare, ha bisogno di “protesi” particolari, che bloccano alcuni colori e ne lasciano passare altri, come i filtri polarizzatori, molto usati dai fotografi per ridare trasparenza ad uno specchio d’acqua illuminato dal sole. Anche il vetro del display di un cellulare è un filtro di questo tipo: senza di esso non si vedrebbero i caratteri sottostanti.

1. Kleinlogel S, White AG (2008), The Secret World of Shrimps: Polarisation Vision at Its Best. PLoS One 3(5): e2190. doi:10.1371/journal.pone.0002190

Veronica Rocco

Flash News

Il recente riacutizzarsi dei combattimenti a Mogadiscio, la capitale somala, sta causando un nuovo esodo dalla città. Circa 7mila persone hanno abbandonato le loro case in fuga dalle nuove violenze, che hanno causato un numero elevato di morti e circa 200 feriti tra i civili. Tra le vittime molti sono i bambini e le donne. L'esodo dalla città martoriata dalla guerra va ad aggravare una situazione già di per sé drammatica nel paese, dove oltre un milione di persone sono già sfollate. Nel solo 2007 circa 700mila persone erano fuggite da Mogadiscio, rimanendo poi in insediamenti provvisori in varie parti del paese. Gli ultimi scontri impediscono inoltre agli sfollati interni che vivono nelle aree intorno alla città di far ritorno a casa.
Leggi tutto...

Cerca nel Sito

Archivio Agenziadistampa 2001-2012

Per Visitare il vecchio archivio Articoli di Agenziadistampa.eu andate alla pagina www.agenziadistampa.eu/index-archivio.html

Scienzeonline.com
Autorizzazione del Tribunale di Roma n 227/2006 del 29/05/2006 Agenzia di Stampa a periodicità quotidiana - Pubblicato a Roma - V. A. De Viti de Marco, 50 - Direttore Responsabile: Guido Donati.

Agenziadistampa.eu - tvnew.eu
Direttore Responsabile Guido Donati
Autorizzazione del Tribunale di Roma n 524/2001 del 4/12/2001 Agenzia di Stampa quotidiana - Pubblicata a Roma - V. A. De Viti de Marco, 50

Free business joomla templates