Questo sito utilizza cookie per implementare la tua navigazione e inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per saperne di più clicca leggi

Sei qui: HomeAutori Scienzeonline.comMedicinaIl pilota automatico dell'imitazione

Il pilota automatico dell'imitazione

Valutazione attuale:  / 0
ScarsoOttimo 

In data 19-03-2007
COMUNICATO STAMPA SISSA 

Anno 4
Edizione Marzo 2007

 

Un nuovo test neuropsicologico per individuare il deficit dell’aprassia

 L’imitazione è un importante processo di apprendimento, il più economico. Osservare
un modello e riprodurne l’azione è una capacità innata nell’uomo, però, in seguito a
una lesione cerebrale dell’emisfero sinistro si può assistere a una riduzione drammatica
della capacità di riprodurre i gesti osservati. Questo deficit è noto col nome di aprassia.
Un team di ricercatori, coordinati da Raffaella Rumiati della Sissa, ha condotto una
ricerca neuropsicologica con pazienti con aprassia, come illustrato nell’articolo
pubblicato sulla rivista americana Brain, che valida il modello cognitivo di imitazione a
due vie e con il quale dimostrano come il test da loro impiegato sia più sensibile a
individuare il deficit aprassico.

Ai soggetti coinvolti nello studio, pazienti vascolari, è stato chiesto di riprodurre una serie di gesti mostrati dallo sperimentatore. «In base al modello di imitazione a due vie – spiega Raffaella Rumiati coordinatrice del settore di Neuroscienze Cognitive della Sissa di Trieste – quando si osserva un gesto e lo si riproduce, si possono utilizzare due differenti strategie.

La ripetizione di un’azione, cioè, può essere perseguita in due modi: imitando il gesto senza pensare a ciò che si sta facendo, senza alcuna attribuzione di significato attraverso una conversione automatica (via diretta o non semantica), oppure riconoscendo l’azione grazie alle conoscenze pregresse, recuperando le informazioni corrispendenti all’input e implementandole nell’output motorio (via semantica)». Se sono azioni note si attivano quindi le rappresentazioni immagazzinate nella memoria semantica, se sono invece gesti nuovi si utilizza una via di elaborazione automatica al fine di riprodurre l’azione.

In condizioni normali, gli individui sani usano ambedue questi processi per riprodurre i movimenti. In chi, invece, ha subito una lesione può succedere che una di queste strategie venga meno, perchè in parte segregate in alcune regioni del cervello che una volta lese fanno saltare questo meccanismo di imitazione. Normalmente, negli individui destrimani, il controllo del movimento finalizzato è a carico dominante dell’emisfero sinistro (corteccia motoria primaria, corteccia paretiale, corteccia premotoria, gangli della base), ma lo studio di Alessia Tessari, Nicola Canessa, Maja Ukmar e Raffaella Rumiati permette di distinguere le regioni comuni alla capacità imitatoria da quelle specifiche per il tipo di movimento da imitare.

«Finora in Italia – continua la neuroscienziata - si è usato un test pubblicato nel 1980 da De Renzi e colleghi, in cui al paziente si chiede di copiare 24 gesti simbolici e non (noti e non), presentati di tre in tre in un’unica lista. Questo tipo di somministrazione mista dei due tipi di stimoli non permette di mettere in evidenza un eventuale deficit della » via diretta o semantica, nonostante i due processi abbiano elaborazioni indipendenti. Per questo noi proponiamo di valutare i deficit aprassici utilizzando una prova in cui i gesti riconoscibili e quelli senza senso siano presentati in due liste separate».

Sottoposto a un’unica lista di stimoli, il paziente cerebroleso infatti tende ad attivare la strategia diretta, più economica, che gli consente - come una sorta di pilota automatico - di copiare tutti i tipi di gesti, sia quelli che conosce sia quelli che non conosce. Così facendo, però, qualora il soggetto avesse lesa propria la via diretta, finirebbe con l’eseguire in modo poco accurato anche i gesti riconoscibili che al contrario potrebbe imitare per la via semantica.

«Individuare selettivamente il tipo di errore che il paziente commette – conclude Raffaella Rumiati - è determinante per capire quali aspetti dell’organizzazione del gesto sono stati intaccati dalla lesione, cioè serve per fare una diagnosi più accurata. Allo stesso tempo serve per verificare la bontà di un modello dell’organizzazione del gesto».

Ufficio Comunicazione SISSA
Simona Regina
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
040 3787557
339 7846302

Aggiungi commento

Codice di sicurezza
Aggiorna

Flash News

El nuevo interactoma describe 987 interacciones que se producen entre 686 proteínas, 299 de las cuales son proteínas integrales de membrana.

 

Un equipo del Instituto de Neurociencias de la Universidad de Barcelona ha participado en el diseño del primer gran mapa de redes de interacción de los receptores acoplados a la proteína G (GPCR) en humanos, el mayor grupo de proteínas de membrana que controlan funciones esenciales de las células (metabolismo, proliferación, diferenciación, etc.). El nuevo mapa de interacciones —o interactoma— de GPCR, el más extenso descrito hasta la fecha para este grupo de proteínas, es un paso adelante para conocer el origen de algunas patologías neurológicas (párkinson, alzhéimer, esquizofrenia, epilepsia y algunos neurogliomas). Conocer con detalle cómo se conectan estas proteínas entre sí también ayudará a identificar nuevas dianas terapéuticas, diseñar futuros fármacos y comprender los efectos perjudiciales asociados a los medicamentos actuales.

Leggi tutto...

Cerca nel Sito

Archivio Agenziadistampa 2001-2012

Per Visitare il vecchio archivio Articoli di Agenziadistampa.eu andate alla pagina www.agenziadistampa.eu/index-archivio.html

Scienzeonline.com
Autorizzazione del Tribunale di Roma n 227/2006 del 29/05/2006 Agenzia di Stampa a periodicità quotidiana - Pubblicato a Roma - V. A. De Viti de Marco, 50 - Direttore Responsabile: Guido Donati.

Agenziadistampa.eu - tvnew.eu
Direttore Responsabile Guido Donati
Autorizzazione del Tribunale di Roma n 524/2001 del 4/12/2001 Agenzia di Stampa quotidiana - Pubblicata a Roma - V. A. De Viti de Marco, 50

Free business joomla templates