Questo sito utilizza cookie per implementare la tua navigazione e inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per saperne di più clicca leggi

Sei qui: HomeAutori Scienzeonline.comMedicinaFrutta e verdura a polpa bianca fanno bene all'organismo

Frutta e verdura a polpa bianca fanno bene all'organismo

Valutazione attuale:  / 0
ScarsoOttimo 
Più frutta e verdura si mangia, soprattutto a polpa bianca, più si è protetti contro l'ictus, stando a un nuovo studio olandese. Lo studio, presentato in Stroke: Journal of the American Heart Association, è stato finanziato in parte dal programma Europe Against Cancer (l'Europa contro il cancro) dell'UE. È risaputo che mangiare frutta e verdura aiuta a ridurre il rischio di ictus. Studi precedenti si sono concentrati sui benefici di frutta e verdura per la salute, soprattutto sul valore e le caratteristiche nutrizionali di questi alimenti, tra cui il colore della pianta, la parte commestibile, la famiglia botanica e la capacità di fornire antiossidanti.

Ma questo ultimo studio va oltre, indagando sul legame tra il colore di frutta e verdura con l'ictus. Il colore della parte commestibile di frutta e verdura riflette la presenza di sostanze fitochimiche benefiche, tra cui i carotenoidi e i flavonoidi.

I ricercatori della Divisione di nutrizione umana dell'Università di Wageningen e dell'Istituto nazionale per la sanità pubblica e l'ambiente, nei Paesi Bassi, hanno esaminato il rapporto tra il consumo di frutta e verdura di un certo colore con l'incidenza di ictus in 10 anni, in uno studio condotto su una popolazione di 20.069 adulti. L'età media dei soggetti era di 41 anni. Nessuno soffriva di malattie cardiovascolari nel momento di avvio dello studio e ciascuno ha completato un questionario di 178 domande sulla frequenza alimentare durante l'anno precedente.

Il team ha diviso la frutta e la verdura in quattro gruppi cromatici: verde (verdure a foglia verde, cavoli e lattughe), arancione/giallo (agrumi), rosso/viola (verdure rosse) e bianco (55% di cui mele e pere).

I ricercatori hanno documentato 233 ictus nel periodo di follow-up durato dieci anni. Non è stata rilevata nessuna associazione tra la frutta verde, arancione/gialla e rosso/viola e l'ictus. Hanno scoperto un calo del 52% del rischio di ictus nelle persone che consumavano un'elevata quantità di frutta e verdura bianche rispetto a quelle che ne mangiavano meno.

Secondo il team, ogni aumento di 25 grammi al giorno nel consumo di frutta e verdura bianche era collegato a un calo del 9% del rischio di ictus. Una mela media pesa 120 grammi.

"Per prevenire l'ictus può essere utile consumare una considerevole quantità di frutta e verdura bianche", dice l'autore Linda M. Oude Griep, una borsista post-dottorato in nutrizione umana presso l'Università di Wageningen. "Ad esempio, mangiare una mela al giorno è un modo semplice per aumentare l'apporto di frutta e verdure bianche. Tuttavia, la frutta e le verdure appartenenti ad altri gruppi cromatici potrebbero proteggere contro altre malattie croniche. Pertanto, rimane di importante consumare molta frutta e verdura."

Sia le mele che le pere sono ricche di fibre alimentari e quercitina, un flavonoide che è ampiamente diffuso in natura. Altri alimenti a polpa bianca inclusi nello studio erano le banane, il cavolfiore, la cicoria e il cetriolo. Il team dello studio ha classificato le patate come amido.

I ricercatori dicono che, nonostante i risultati ottenuti nello studio, sono necessarie ulteriori ricerche per dimostrare le scoperte. Dice la dottoressa Oude Griep: "Potrebbe essere troppo presto per i medici consigliare ai pazienti di cambiare le loro abitudini alimentari sulla base di questi risultati iniziali."

Un articolo che accompagna i risultati indica che essi dovrebbero essere interpretati con cautela, perché i questionari sulla frequenza alimentare potrebbero non essere affidabili.
 

Flash News

Editrice Il Sirente, 2016

 

In questo interessante lavoro dell’astronoma Anna Curir si racconta la frattura tra la cultura umanistica e scientifica , come recita il sottotitolo. E ciò avviene in 17 capitoli (preceduti da un’introduzione e seguiti da un epilogo) con frequenti riferimenti astronomici e attraverso la citazione di diversi autori. Anzi ,uno degli aspetti che colpisce di più sfogliando questo volume ancor prima di leggerlo, èl’enorme quantità di note a fondo pagina, di cui tutta la pubblicazione è costellata.

Leggi tutto...

Cerca nel Sito

Archivio Agenziadistampa 2001-2012

Per Visitare il vecchio archivio Articoli di Agenziadistampa.eu andate alla pagina www.agenziadistampa.eu/index-archivio.html

Scienzeonline.com
Autorizzazione del Tribunale di Roma n 227/2006 del 29/05/2006 Agenzia di Stampa a periodicità quotidiana - Pubblicato a Roma - V. A. De Viti de Marco, 50 - Direttore Responsabile: Guido Donati.

Agenziadistampa.eu - tvnew.eu
Direttore Responsabile Guido Donati
Autorizzazione del Tribunale di Roma n 524/2001 del 4/12/2001 Agenzia di Stampa quotidiana - Pubblicata a Roma - V. A. De Viti de Marco, 50

Free business joomla templates