Questo sito utilizza cookie per implementare la tua navigazione e inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per saperne di più clicca leggi

Sei qui: HomeAutori Scienzeonline.comArcheologiaUn aumento delle facoltà intellettive alla base dei progressi tecnologici dell'antichità

Un aumento delle facoltà intellettive alla base dei progressi tecnologici dell'antichità

Valutazione attuale:  / 0
ScarsoOttimo 
Un aumento delle facoltà del cervello ha permesso agli esseri umani dell'Età della pietra di costruire utensili più complessi, è quanto suggerisce una nuova ricerca finanziata dall'UE. In un articolo pubblicato sulla rivista PLoS ONE, il team spiega come sono arrivati a questa conclusione dopo aver studiato un moderno scheggiatore di selce in azione. Il sostegno dell'UE a questo lavoro proveniva dal progetto HANDTOMOUTH ("Hand to Mouth: A framework for understanding the archaeological and fossil records of human cognitive evolution"), che ha ricevuto 1,1 Mio EUR nell'ambito della linea di budget "Scienze e tecnologie nuove ed emergenti" (NEST) del Sesto programma quadro (6° PQ).

All'inizio del basso Paleolitico, circa 2,6 milioni di anni fa, gli uomini costruivano utensili in pietra molto semplici, colpendo semplicemente ciottoli che contenevano selce con un'altra pietra per generare scaglie affilate come rasoi. Ma si è dovuto aspettare fino a 500.000 di anni fa perché i nostri antenati riuscissero a costruire grandi asce a forma di goccia che potessero essere usate per molti più scopi rispetto alle primitive scaglie di selce.

La questione che ha messo in difficoltà per diverso tempo i ricercatori è il motivo per il quale ci sono voluti 2 milioni di anni perché i nostri antenati passassero dalla produzione di semplici scaglie di selce alla costruzione di più complesse asce. Alcuni scienziati hanno suggerito che i primi esseri umani non avevano le avanzate abilità motorie necessarie per produrre un'ascia, mentre altri hanno proposto che all'inizio del basso Paleolitico, il nostro cervello non era abbastanza sviluppato per ideare nuovi modi più complicati di lavorare la selce per produrre utensili più complessi.

Questo recente studio ha visto la collaborazione di neuroscienziati, archeologi, antropologi e scheggiatori di selce provenienti da Svezia, Regno Unito e Stati Uniti per chiarire la questione. Un contributo fondamentale a questo studio è stato apportato dal professor Bruce Bradley, un archeologo sperimentale dell'Università di Exeter nel Regno Unito che ha imparato l'antica arte di costruire utensili di selce.

Indossando un guanto in grado di monitorare i movimenti della mano e del braccio, il professor Bradley ha fatto una serie di semplici schegge affilate e asce più complesse. Il confronto dei movimenti coinvolti nella produzione dei due tipi di utensili ha permesso ai ricercatori di determinare se erano necessari maggiori abilità motorie o meno per fare le asce.

"Abbiamo scoperto che entrambe le tecniche di costruzione delle scheggie e delle asce richiedevano lo stesso tipo di destrezza della mano e del braccio," ha detto il professor Bradley. "Questo ci ha permesso di escludere le abilità motorie come fattore principale nello sviluppo degli utensili in pietra."

In altre parole, l'evoluzione del cervello umano è ciò che ha permesso agli esseri umani di creare utensili più complessi. Il team suggersice inoltre che il progresso verso la produzione delle asce sia coinciso con lo sviluppo del linguaggio; studi di imaging del cervello hanno dimostrato che alcune parti del cervello coinvolte nella costruzione di utensili sono anche fondamentali per le abilità linguistiche.

"Il progresso da grezzi utensili in pietra a eleganti asce da tenere in mano ha rappresentato un enorme passo avanti per i nostri antenati. Le asce erano uno strumento più efficace per difendersi, cacciare e per i lavori di tutti i giorni," ha commentato l'autore principale dello studio, il dott. Aldo Faisal dell'Imperial College di Londra nel Regno Unito.

"Il nostro studio consolida l'idea secondo la quale la costruzione di utensili e il linguaggio si sono evoluti insieme poiché entrambe le attività richiedevano un pensiero complesso, il che rende la fine del basso Paleolitico un periodo di cardinale importanza per la nostra storia. Dopo questo periodo, i primi esseri umani hanno lasciato l'Africa e hanno cominciato a colonizzare altre parti del mondo".

Guardando al futuro, il team ha adesso intenzione di studiare lo sviluppo del cervello dell'uomo di Neanderthal usando questa stessa tecnica per studiare le tecniche di scheggiatura che essi usavano in Eurasia tra 150.000 e 35.000 anni fa.

Aggiungi commento

Codice di sicurezza
Aggiorna

Flash News

 

Una rilettura ideale della cultura artistica di Roma in circa 180 opere lungo il Novecento fra Modernità e Tradizione
Galleria d’Arte Moderna
Via Francesco Crispi 24 – Roma
29 marzo 2018 – 28 ottobre 2018


Un tributo alla Capitale d’Italia attraverso gli artisti che l’hanno vissuta e gli stili con cui si sono espressi: ROMA CITTÀ MODERNA. Da Nathan al Sessantotto è una rassegna unica che ripercorre le correnti artistiche protagoniste del ‘900 con in primo piano la città di Roma, da sempre polo d’attrazione di culture e linguaggi diversi. La mostra, a cura di Claudio Crescentini, Federica Pirani, Gloria Raimondi e Daniela Vasta, è promossa da Roma Capitale, Assessorato alla Crescita culturale - Sovrintendenza Capitolina ai Beni Culturali.

Organizzazione Zètema Progetto Cultura. Presentate oltre 180 opere, tra dipinti, sculture, grafica e fotografia, di cui alcune mai esposte prima e/o non esposte da lungo tempo, provenienti dalle collezioni d’arte contemporanea capitoline, in una rilettura ideale della cultura artistica di Roma, una città ipercentrica, seppur multiculturale, nella quale, nei decenni, si sono andate sedimentando diversità e univocità non sempre o non solo in conflitto fra di loro. Proprio come nella specificità cronologica individuata che, lungo il Novecento, si svolge fra Modernità e Tradizione, da Ernesto Nathan, Sindaco di Roma (1907-1913) di dichiarata ispirazione mazziniana negli anni di complessa gestione della capitale, fino al decennio dei grandi movimenti di massa e della rivoluzione artistica e culturale ormai universalmente identificata col nome dell'anno in cui si manifestò in maniera più preponderante: il Sessantotto.

Leggi tutto...

Cerca nel Sito

Archivio Agenziadistampa 2001-2012

Per Visitare il vecchio archivio Articoli di Agenziadistampa.eu andate alla pagina www.agenziadistampa.eu/index-archivio.html

Scienzeonline.com
Autorizzazione del Tribunale di Roma n 227/2006 del 29/05/2006 Agenzia di Stampa a periodicità quotidiana - Pubblicato a Roma - V. A. De Viti de Marco, 50 - Direttore Responsabile: Guido Donati.

Agenziadistampa.eu - tvnew.eu
Direttore Responsabile Guido Donati
Autorizzazione del Tribunale di Roma n 524/2001 del 4/12/2001 Agenzia di Stampa quotidiana - Pubblicata a Roma - V. A. De Viti de Marco, 50

Free business joomla templates