Questo sito utilizza cookie per implementare la tua navigazione e inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per saperne di più clicca leggi

Sei qui: HomeAutori Scienzeonline.comEpidemiologiaPrevenzione Tubercolosi: i raggi ultravioletti

Prevenzione Tubercolosi: i raggi ultravioletti

Valutazione attuale:  / 0
ScarsoOttimo 

Tubercolosi: lampade a raggi ultravioletti per combattere il rischio di contagio negli ospedali

Secondo uno studio pubblicato recentemente su PLOSMedicine, i raggi ultravioletti potrebbero ridurre del 70% la diffusione della tubercolosi nelle corsie degli ospedali e nelle sale d'attesa. I ricercatori hanno studiato la trasmissione della Tbc tra pazienti infetti e cavie di laboratorio e si sono accorti che basta installare delle semplici luci ultraviolette negli ospedali per diminuire il contagio, anche nel caso di ceppi resistenti ai farmaci.

 

Ogni anno la tubercolosi colpisce 9 milioni di persone e ne uccide due milioni. Il rischio di diffusione è particolarmente alto nei luoghi in cui c'è un'elevata concentrazione di persone debilitate, come gli ospedali o le prigioni. “Nei luoghi molto affollati – spiega il dottor Rod Escombe, responsabile della ricerca [1] – come per esempio la corsia di un ospedale, basta un colpo di tosse di chi è già infetto per contagiare i pazienti più vulnerabili”. Per prevenire la trasmissione è sufficiente appendere una lampada a raggi ultravioletti e un ventilatore ad elica sul soffitto. La luce ultravioletta, infatti, uccide i batteri della tubercolosi distruggendone il DNA e ne impedisce la duplicazione.

Il progetto-pilota prevede l'installazione di un impianto UV nella clinica St Mary, che fa parte dell'Imperial College di Londra. Sarà la prima struttura sanitaria britannica ad avere questo tipo di dispositivo. La luce ultravioletta, fanno sapere gli scienziati, è un mezzo di prevenzione efficace e poco costoso: oggi un impianto di questo tipo costa circa 350 dollari e la sostituzione delle lampade 25 dollari. Gli scienziati, però, stanno studiando il modo di abbassare il prezzo a 100 dollari. Le luci, afferma Cath Noaks [2],  devono essere posizionate abbastanza in alto da evitare una sovraesposizione dei pazienti, ma è essenziale installare un sistema di ventilazione che assicuri un costante ricambio di aria dal basso verso l'alto e viceversa per non vanificare gli effetti dei raggi utravioletti.

Per testare l'efficacia del nuovo sistema, gli scienziati hanno installato lampade UV nel reparto di un ospedale di Lima, in Perù, dove erano ricoverati 69 pazienti affetti da tubercolosi e HIV. Attraverso un sistema di ventilazione, hanno pompato l'aria della corsia verso un alloggiamento posto sul soffitto, dove erano state rinchiuse alcune centinaia di cavie. I topolini erano suddivisi in 3 gruppi di 150 esemplari l'uno: il primo gruppo respirava l'aria del reparto in  cui erano installate le lampade a raggi ultravioletti; il secondo era esposto all'aria proveniente dalla corsia, ma trattata con ioni negativi. Infine, il gruppo di controllo riceveva aria non sottoposta ai raggi UV. Dopo 535 giorni consecutivi di esposizione, i ricercatori hanno constatato che il 35% delle cavie appartenenti al gruppo di controllo era affetto da Tbc. La percentuale scendeva al 14% nei topolini esposti ad aria ionizzata e addirittura al 9.5% in quelli sottoposti ai raggi ultravioletti. L'8.6% del gruppo di controllo ha sviluppato in seguito la forma attiva di tubercolosi, contro il 4.3% del gruppo esposto ad aria ionizzata e il 3.6% di quello esposto ai raggi UV.

Questo sistema di prevenzione, che nasce dalla collaborazione di vari enti di ricerca, fra cui l'Imperial College di Londra, l'Università di Leeds e l'Ospedale Nazionale Dos de Mayo di Lima, può diventare uno strumento prezioso soprattutto nei Paesi in via di sviluppo, dove le precarie condizioni igienico-sanitarie e l'isolamento in cui vivono le popolazioni delle aree rurali rendono difficile l'accesso alle medicine, la diagnosi precoce della malattia e un adeguato trattamento farmacologico. “Prevenire l'infezione – afferma Escombe – è molto più facile e meno costoso che curare un paziente affetto da tubercolosi”.


Note:
[1]
Wellcome Trust Centre for Clinical Tropical Medicine, Imperial College, Londra.
[2] Facoltà di Ingegneria, Università di Leeds.

Link consigliati:
A.A.V.V. "Upper-Room Ultraviolet Light and Negative Air Ionization to Prevent Tuberculosis Transmission" PLoS Medicine, 17 March 2009

http://www.plos.org/press/plme-06-03-escombe.pdf

Veronica Rocco

Flash News

I matematici dell’Università di Pisa nel gruppo di ricerca che ha pubblicato lo studio sulla misura del campo di gravità di Giove sulla rivista “Nature”. La scoperta è che l’emisfero nord del pianeta gigante ha una distribuzione di massa diversa rispetto all’emisfero sud.

C’è la firma di due matematici dell’Università di Pisa, Andrea Milani e Daniele Serra, nello studio pubblicato sulla rivista «Nature» che ha misurato per la prima volta la componente asimmetrica in direzione nord-sud campo gravitazionale di Giove, uno degli elementi fondamentali per modellizzare la struttura interna del pianeta.
La ricerca fa parte di Juno, una missione della NASA che ha come obiettivo l’esplorazione di Giove. Una sonda spaziale, con nove strumenti usati per eseguire gli esperimenti, orbita attorno al pianeta gigante allo scopo di determinarne la struttura e la composizione interna, di studiarne l’atmosfera e di mapparne la magnetosfera.

Leggi tutto...

Cerca nel Sito

Archivio Agenziadistampa 2001-2012

Per Visitare il vecchio archivio Articoli di Agenziadistampa.eu andate alla pagina www.agenziadistampa.eu/index-archivio.html

Scienzeonline.com
Autorizzazione del Tribunale di Roma n 227/2006 del 29/05/2006 Agenzia di Stampa a periodicità quotidiana - Pubblicato a Roma - V. A. De Viti de Marco, 50 - Direttore Responsabile: Guido Donati.

Agenziadistampa.eu - tvnew.eu
Direttore Responsabile Guido Donati
Autorizzazione del Tribunale di Roma n 524/2001 del 4/12/2001 Agenzia di Stampa quotidiana - Pubblicata a Roma - V. A. De Viti de Marco, 50