Questo sito utilizza cookie per implementare la tua navigazione e inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per saperne di più clicca leggi

Sei qui: HomeAutori Scienzeonline.comAmbienteProteggiamo le specie del mondo ancora sconosciute

Proteggiamo le specie del mondo ancora sconosciute

Valutazione attuale:  / 0
ScarsoOttimo 
Una nuova ricerca mostra che la maggior parte delle specie del mondo "mancanti" o sconosciute vivono in regioni che sono già state identificate dagli scienziati come priorità di protezione Lo studio, condotto da ricercatori dell'Università di Oxford, Università del Kent, Duke University e Microsoft Research nel Regno Unito e pubblicato sulla rivista Proceedings of the National Academy of Sciences (PNAS), suggerisce che le recenti attività di protezione hanno raggiunto i loro obiettivi e dovrebbero ridurre l'incertezza riguardo le priorità mondiali di protezione. La minaccia di estinzione per molte delle specie sconosciute è però peggiore di quanto si temesse.

"Mostriamo che la maggior parte delle "specie mancanti" del mondo si nascondono in alcuni dei paesaggi più minacciati del mondo," dice Stuart Pimm, uno dei ricercatori dello studio. "Questo fa crescere considerevolmente il numero di specie minacciate e in pericolo in tutto il mondo."

I biologi che si occupano di tutela, con risorse limitate e accelerando le minacce alla natura, cercano da tempo di identificare zone in tutto il mondo dove azioni efficaci di protezione potrebbero salvare la maggior parte delle specie. I punti caldi della biodiversità dove si trovano i tassi più estremi di perdita di habitat e numeri insolitamente alti di specie endemiche sono priorità. Rimane però un problema: finora non sappiamo niente su molte delle specie del mondo.

"Sappiamo di avere un catalogo della vita incompleto," dice l'autore principale, Lucas Joppa. "Se non sappiamo quante specie ci sono, o dove vivono, come possiamo dare la priorità a luoghi per la conservazione? E se i posti che tralasciamo adesso si rivelano quelli con il maggior numero di specie sconosciute?"

Durante lo studio, i ricercatori hanno creato un modello che incorpora effetti tassonomici nel tempo per stimare quante specie di piante da fiore, che formano la base del concetto di punto caldo della biodiversità, rimangono da scoprire in regioni di tutto il mondo. Hanno poi confrontato queste stime con le regioni attualmente identificate come priorità mondiali di conservazione e hanno scoperto che questi due gruppi combaciavano.

Sei regioni che erano già state identificate dagli scienziati che si occupano di conservazione come punti caldi - dal Messico a Panama, Colombia, dall'Ecuador al Perù, Paraguay e Cile verso sud, Africa meridionale e Australia - secondo i modelli contengono il 70% di tutte le specie mancanti previste. Solo due regioni con alte stime di specie mancanti - la regione da Angola a Zimbawe e il Paleartico del nord, che comprende parti di Europa e Asia - non contenevano punti caldi della biodiversità.

"È stato un enorme sollievo scoprire che questi posti nei quali stiamo già investendo le nostre risorse sono anche quelli che ospitano la maggior parte delle specie sconosciute del mondo," dice David Roberts, uno dei ricercatori dell'Università del Kent. "Poteva anche non essere così!”

Sebbene mostrino che le azioni di conservazione sono già dirette nei luoghi più appropriati, i risultati dello studio apportano un maggiore senso di urgenza alla crisi mondiale dell'estinzione. Gli autori sottolineano che risultati come questi rendono ancora più importante la protezione di ampie zone di terra.

Il messaggio è chiaro: anche se non possiamo salvare una specie che non sappiamo se esiste, possiamo proteggere i luoghi dove pensiamo che possa vivere.
 

Flash News

El año pasado se produjeron cerca de 2,5 millones de fracturas por fragilidad en Alemania, España, Francia, Italia, Suecia y Reino Unido, según se lee en el último informe de la Fundación Internacional de Osteoporosis (IOF), redactado en colaboración con la Federación Europea de Industrias y Asociaciones Farmacéuticas (EFPIA).Leggi tutto...

Cerca nel Sito

Archivio Agenziadistampa 2001-2012

Per Visitare il vecchio archivio Articoli di Agenziadistampa.eu andate alla pagina www.agenziadistampa.eu/index-archivio.html

Scienzeonline.com
Autorizzazione del Tribunale di Roma n 227/2006 del 29/05/2006 Agenzia di Stampa a periodicità quotidiana - Pubblicato a Roma - V. A. De Viti de Marco, 50 - Direttore Responsabile: Guido Donati.

Agenziadistampa.eu - tvnew.eu
Direttore Responsabile Guido Donati
Autorizzazione del Tribunale di Roma n 524/2001 del 4/12/2001 Agenzia di Stampa quotidiana - Pubblicata a Roma - V. A. De Viti de Marco, 50

Free business joomla templates