Questo sito utilizza cookie per implementare la tua navigazione e inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per saperne di più clicca leggi

Sei qui: HomeAutori Scienzeonline.comTecnologiaCrash test: Dummies di ultima generazione

Crash test: Dummies di ultima generazione

Valutazione attuale:  / 0
ScarsoOttimo 

Crash test: i manichini di ultima generazione sono completamente "virtuali"

Le industrie automobilistiche di tutto il mondo investono ogni anno milioni di dollari per fare i "crash test": simulazioni in laboratorio di incidenti reali per verificare i sistemi di sicurezza delle proprie vetture. Quelle che non superano la prova sono automaticamente escluse dal mercato.

Una competizione a suon di stelle, quelle assegnate dalla prestigiosa associazione Euroncap, che decide se promuovere o bocciare le nuove automobili e che pubblica la classifica delle vetture più sicure.
In un futuro molto prossimo, i crash test potrebbero avere un costo praticamente pari a zero e garantire standard di sicurezza finora inimmaginabili. Come? con la realtà virtuale.
Oggi i manichini usati nelle simulazioni - i cosiddetti "dummies" - sono fatti di plastica e acciaio, ma entro pochi anni potrebbero essere sostituiti da prototipi virtuali, molto più sofisticati e simili agli esseri umani dei loro colleghi siliconati.
Il progetto, promosso e finanziato da un gruppo di industrie automobilistiche, il Global Human Body Models Consortium, vedrà impegnate due équipes internazionali di scienziati ed ingegneri per realizzare il nuovo manichino "second life", che si muoverà esclusivamente nella realtà virtuale e riprodurrà fedelmente tutte le caratteristiche del corpo umano: muscoli, legamenti, articolazioni, sangue e arterie, organi interni. Il consorzio ha già offerto 3 milioni di dollari per completare il cyber-dummy nel giro di alcuni anni. 
Il passo dalla realtà fisica a quella virtuale è breve, dal momento che tutti i sistemi di sicurezza delle auto vengono progettati al computer. Il crash test virtuale permetterà di testare l'efficacia dei dispositivi prima ancora di fabbricarli.
Il manichino virtuale, spiegano gli scienziati, verrà sottoposto a centinaia di crash test, con varie velocità e differenti angolazioni, per determinare gli effetti di un impatto sugli organi interni, sulle ossa e sui tessuti. Sarà possibile vedere come si spezza l'osso del collo o come viene perforato un polmone da una costola rotta. "Stiamo cercando di realizzare dei modelli - spiega Richard Kent, uno dei principali responsabili del progetto -  basati sull'esatta configurazione anatomica del corpo umano, capaci di reagire ad uno stress e ad un impatto esterno nello stesso modo in cui lo farebbe un corpo in carne ed ossa (...) l'obiettivo è quello di realizzare sistemi di sicurezza molto più efficaci, ridurre al minimo le lesioni e la frequenza degli incidenti stradali". I vantaggi della nuova tecnologia sono numerosi. Innanzitutto i costi: un normale manichino di plastica costa tra i 5.000 e i 100.000 dollari; ha una durata di circa 10 anni ma deve essere riparato e revisionato dopo ogni crash test. Il nuovo dummy, una volta creato, non costa nulla ed è praticamente eterno. Inoltre, i manichini tradizionali sono fabbricati secondo standard più o meno costanti, sia per quanto riguarda il peso che la statura. I manichini virtuali, invece, possono riprodurre tutte le forme e le dimensioni del corpo umano, adattandosi all'estrema variabilità di taglie e misure dei corpi reali.
Il nuovo manichino, fanno sapere gli scienziati, potrà essere utilizzato anche in altre situazioni, per esempio nelle facoltà di medicina o nella progettazione di abiti sportivi per migliorarne le prestazioni e gli standard di sicurezza.


Link:
Fariss Samarrai, "University of Virginia Engineers to Create Parts of Virtual Crash Test Dummy"
http://www.virginia.edu/uvatoday/newsRelease.php?id=7214

Francesco Defler   

Flash News

Firmato il Memorandum d’Intesa con Skylogic per l’uso di KA-SAT. L’Agenzia Spaziale Italiana ha annunciato, in data odierna, un accordo con Eutelsat Communications e Skylogic per l’utilizzo di KA-SAT, il nuovo satellite in banda Ka ad alte prestazioni, allo scopo di sviluppare la connettività a banda larga per servizi di tipo istituzionale e per la Pubblica Amministrazione del nostro paese.Leggi tutto...

Cerca nel Sito

Archivio Agenziadistampa 2001-2012

Per Visitare il vecchio archivio Articoli di Agenziadistampa.eu andate alla pagina www.agenziadistampa.eu/index-archivio.html

Scienzeonline.com
Autorizzazione del Tribunale di Roma n 227/2006 del 29/05/2006 Agenzia di Stampa a periodicità quotidiana - Pubblicato a Roma - V. A. De Viti de Marco, 50 - Direttore Responsabile: Guido Donati.

Agenziadistampa.eu - tvnew.eu
Direttore Responsabile Guido Donati
Autorizzazione del Tribunale di Roma n 524/2001 del 4/12/2001 Agenzia di Stampa quotidiana - Pubblicata a Roma - V. A. De Viti de Marco, 50

Free business joomla templates