Questo sito utilizza cookie per implementare la tua navigazione e inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per saperne di più clicca leggi

Sei qui: HomeAutori Scienzeonline.comTecnologiaUn naso elettronico per prevenire gli incendi in metropolitana

Un naso elettronico per prevenire gli incendi in metropolitana

Valutazione attuale:  / 0
ScarsoOttimo 

Dallo Spazio alla Terra: a Stoccolma un naso elettronico antincendio

Progettato negli anni 90 per monitorare la qualità dell’aria all’interno della stazione spaziale russa Mir, il naso elettronico oggi è utilizzato per "fiutare" i primi segnali di incendio nella metropolitana di Stoccolma, Svezia.

 

L’innovativo sistema, che ha già dimostrato di funzionare nel 1995 e nel 1997, quando rilevò un principio di incendio nella stazione spaziale russa, è costituito da 3 elementi fondamentali: un sensore che “fiuta” gli odori, ossia la presenza di sostanze anomale nell’aria, anche in piccolissime quantità; un microchip che riconosce gli odori come farebbe il nostro naso; infine, un software sofisticato che classifica gli odori pericolosi e lancia l’allarme.

Il sistema, sviluppato da un’équipe di ingegneri dell’ EADS RST Rostock System-Technik in collaborazione con la compagnia svedese Firefly, è stato progettato come sistema antincendio nelle metropolitane e nelle stazioni ferroviarie della capitale svedese. Sarà presto operativo in 56 stazioni metro e coprirà 60 Km di tunnel.

Nella maggior parte delle metropolitane, i sistemi antincendio si basano sui ‘rivelatori di fumo’. Il difetto di questi sistemi è che risentono molto delle condizioni ambientali esterne come l’umidità e le polveri sottili, mentre il naso elettronico è praticamente immune da questi fattori di disturbo, così frequenti nelle stazioni della metropolitana.

Le tecnologie progettate per volare nello spazio – spiega Frank M. Salzgeber, responsabile del  Technology Transfer Programme Office dell’ESA [1] – sono molto sofisticate e a prova di errore. Sono sottoposte, infatti, a test durissimi, che mettono alla prova la loro capacità di “tenuta” in condizioni ambientali estreme come lo spazio o il lancio di una navicella. Devono resistere all’assenza di gravità e a variazioni di temperatura che passano dal caldo torrido al freddo gelido.

“Lo spazio – osserva Salzgeber – è il migliore laboratorio esistente per testare soluzioni innovative da applicare in qualsiasi altro settore. Il naso elettronico è la dimostrazione che la tecnologia spaziale può offrire soluzioni innovative in campi tecnologici molto diversi fra loro”.

Il naso elettronico potrebbe rivelarsi efficace anche come “rilevatore” di germi e batteri negli ospedali, dove il rischio di infezione è particolarmente alto per i pazienti che hanno subito un trapianto di organi o sono sottoposti a terapia intensiva.  

Note:
[1] Il Technology Transfer Programme Office dell’ESA (TTPO) ha il compito di favorire l’uso di tecnologie spaziali in settori diversi e mostrare i benefici del programma spaziale europeo ai cittadini europei.
 per conto dell’Agenzia Spaziale Europea http://www.esa.int/esaCP/index.html

Link consigliati:

Electronic nose sniffs hazards
 http://www.esa.int/esaCP/SEM3VICDNRF_index_0.html

Technology Transfer Programme Office (TTPO)
http://www.esa.int/SPECIALS/TTP2/index.html

Francesco Defler

 

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Flash News

Leone d’Oro al goethiano Faust del russo Sokurov

Il Leone d’Oro al Faust di Aleksandr Sokurov, alla 68esima kermesse veneziana, ha messo d’accordo tutti. Il cineasta russo gioca sul mito goethiano, senza dimenticare gli altri autori che hanno sfruttato lo stesso mito per i loro capolavori: una su tutte la monumentale opera lirica di Richard Wagner, personaggio che nel film è immaginato come allievo del dottor Faust e i cui richiami musicali sono parte integrante della pellicola. Sin dal primo impatto, il film risulta un’opera estetica e filosofica, non contempla, infatti, nessuna sensazione “di pancia”, rappresentando il punto di forza di un lavoro molto raffinato ma anche il suo limite. Aiutato dall’ottima collaborazione del direttore della fotografia Bruno Delbonnel, il cineasta russo privilegia i colori polverosi, i grigi, le nuances della terra, a voler sottolineare gli aspetti più sordidi e sudici della storia. Mefisto, rappresentato come un usuraio sporco, puzzolente, nei panni di un satiro, con i genitali al posto della coda, risultando grottesco, non ha nulla del fascino seduttivo del male, a favore, invece, del lato torbido insito nell’inganno. Eppure Faust viene circuito dall’inganno ma non vi resterà intrappolato per sempre. Il film comincia con la domanda sull’anima, se essa sia racchiusa nel cuore, nella mente o addirittura nei piedi. La sete di conoscenza del protagonista, partendo da interrogativi esistenziali e filosofici, via via si avvicina sempre più al desiderio propriamente detto, superando l’esperienza intellettiva per abbracciare quella dei sensi.

Leggi tutto...

Cerca nel Sito

Archivio Agenziadistampa 2001-2012

Per Visitare il vecchio archivio Articoli di Agenziadistampa.eu andate alla pagina www.agenziadistampa.eu/index-archivio.html

Scienzeonline.com
Autorizzazione del Tribunale di Roma n 227/2006 del 29/05/2006 Agenzia di Stampa a periodicità quotidiana - Pubblicato a Roma - V. A. De Viti de Marco, 50 - Direttore Responsabile: Guido Donati.

Agenziadistampa.eu - tvnew.eu
Direttore Responsabile Guido Donati
Autorizzazione del Tribunale di Roma n 524/2001 del 4/12/2001 Agenzia di Stampa quotidiana - Pubblicata a Roma - V. A. De Viti de Marco, 50

Free business joomla templates