Questo sito utilizza cookie per implementare la tua navigazione e inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per saperne di più clicca leggi

Sei qui: HomeAutori Scienzeonline.comZoologiaSai che pesci pigliare? Guida al consumo dei prodotti del mare

Sai che pesci pigliare? Guida al consumo dei prodotti del mare

Valutazione attuale:  / 0
ScarsoOttimo 

Guida tascabile e on-line per un consumo intelligente dei prodotti del mare. 16 specie da scegliere con ‘tranquillità’ per le feste natalizie

Dopo Francia, Hong Kong, Germania, Finlandia, Danimarca, Norvegia, Polonia, Indonesia, Olanda, Sud Africa, il WWF fa sbarcare anche in Italia una guida pratica al consumo consapevole dei prodotti del mare.

Alla vigilia dei prossimi banchetti natalizi e per un carrello della spesa più intelligente in generale, Sai che pesci pigliare? ci dice quali specie di pesci, crostacei e molluschi scegliere al momento dell’acquisto, cosa consumare, avendo la ‘coscienza ecologica’ a posto, e cosa invece lasciar stare in mare.

Semaforo verde per acciughe, per esempio, e per ostriche, rombi chiodati d’allevamento, sgombri; lampeggiante arancione per mazzancolle, astici, seppie, sogliole, salmoni, orate; stop-rosso per anguilla, tonno rosso, pesce spada  e altri ancora. Tutti tranquilli dunque nell’acquisto in pescheria per tutte le specie inserite nella lista verde: il WWF da il ‘via libera’ poiché questi pesci soddisfano gran parte dei criteri compatibili con la salvaguardia degli stock e con un prelievo in mare sostenibile. Nella lista gialla sono invece inserite quelle specie che, se consumate con elevata frequenza, potrebbero andare incontro ad impatti eccessivi, e dunque, più cautela al momento dell’acquisto. I pesci elencati sotto il ‘semaforo rosso’ dovrebbero essere evitati del tutto: per loro anche un consumo ridotto può incidere sullo stato degli stock e, in taluni casi, la reperibilità del prodotto può avere elevati costi energetici senza garanzie di ridotti costi ambientali.

La guida, prodotta in uno speciale formato ‘tessera’, è anche disponibile on-line sul sito del WWF Italia www.wwf.it. Il WWF ha anche prodotto uno speciale Ricettario “Le Stagioni della pesca” che propone un menù basato sulla disponibilità stagionale delle specie ittiche, un’altro dei criteri per un acquisto consapevole dei prodotti della pesca. La presentazione è avvenuta oggi a Roma, presso il Ristorante “Crudo”, con una degustazione di piatti a base di pesce appartenente alla lista ‘verde’ del WWF.

“Da quando negli anni Settanta è iniziata la fase di industrializzazione della pesca, si è registrato un progressivo impoverimento dei mari – commenta Marco Costantini, responsabile del Programma Mare del WWF Italia – ormai con sonar, echosounder, fishfinder, GIS-mapper e quant’altro è stato possibile non solo individuare i banchi, ma anche sapere la loro forma, le loro dimensioni, sapere che specie li costituiscono. Ripartire, da una scelta consapevole del consumatore ci è sembrato un primo passo per sconfiggere l’offerta omologata del mercato che trascura il valore del prodotto locale e stagionale, dimentica le tecniche di pesca selettive e si rivolge verso zone di pesca  ormai lontane e in molti casi impoverite.”

Inevitabilmente, con catture sempre inferiori, si è andati a caccia di nuovi stock sempre più in profondità, anche oltre i mille metri; si è andati sempre più al largo e quindi sempre più distanti dai luoghi effettivi di consumo - si pensi ai merluzzi in Cile alle spigole della Patagonia, agli scorfani della Mauritania - si sono utilizzate reti sempre più efficaci e si sono cominciate a trattenere a bordo e a vendere solo le specie più vantaggiose dal punto di vista economico, rigettando tutto il resto, creando così la “tragedia” del bycatch, ovvero il riversare in mare tonnellate e tonnellate di pesce buono da mangiare ma di scarso valore commerciale. Si è poi  passati in alcuni casi alla pesca illegale, non rispettando i limiti di cattura, le aree interdette, utilizzando attrezzi banditi ma estremamente efficaci.

Con il declino delle catture – dal 1994 al 2003 la cattura globale è calata del 13% -  la pesca, poi, si “è  enormemente globalizzata” e certe specie hanno cominciato a migrare a distanze maggiori da pescate che non da vive. Sulle tavole dei consumatori arriva pesce da tutto il mondo, spesso tanto trasformato da essere difficile da riconoscere. Il consumatore, continuando a pensare che il pesce venga da un mare a sé prossimo, non è più in grado di capire ‘che pesci pigliare’. E’ nella volontà di rendere questo mondo meno complesso e meno oscuro e nella convinzione che il consumatore possa avere un ruolo determinante nel cambiare il volto del mercato dei prodotti del mare, che va inserita la logica che sottende alle liste delle specie presentate nella guida tascabile Sai che pesci pigliare?.

 

Roma, 18 dicembre 2008

WWF Italia – Ufficio stampa 06.84497377 – 265 – 463 -213

www.wwf.it/stampa

 Sai che pesci pigliare?

VIA LIBERA

Acciuga / alice FP Engraulis encrasicolus Mediterraneo (Italia)

Cefalo / cefalo labbrone FP Mugil cephalus / Chelon labrosus Mediterraneo (It)

Cozza / mitilo FA Mytilus galloprovincialis Mediterraneo (Italia)

Gamberetto/Schila FP Palaemon spp. Mediterraneo (Italia)

Leccia FP Lichia amia Mediterraneo (Italia)

Merluzzetto / cappellano FP Trisopterus minutus capelanus Mediterraneo (Italia)

Merluzzo del Pacifico S Gadus macrocephalus Pacifico

Ostrica FA Ostrea edulis Mediterraneo (Italia)

Palamita FP Sarda sarda Mediterraneo (Italia)

Pannocchia / canocchia (di nassa) FP Squilla mantis Mediterraneo (It)

Pollack S Pollachius pollachius Atlantico

Pollack dell’Alaska S Theragra chalcogramma Pacifico Settentr.

Rombo chiodato FA Psetta maxima Mediterraneo / Atlantico

Sgombro FP Scomber scombrus Mediterraneo

Sugarello FP Trachurus trachurus Mediterraneo (Italia)

Totano FP Illex coindetii Mediterraneo (Italia)

PRESTA ATTENZIONE

Gamberetto boreale FP Pandalus borealis Atlantico Sett. / Pacifico Sett.

Mazzancolla FA Penaeus spp. Asia Sud-Orientale

Melù / potassolo FP Micromesistius poutassou Mediterraneo (Italia)

Merlano / molo FP Merlangius merlangius Mediterraneo (Italia)

Ombrina boccadoro FA Argyrosomus regius Mediterraneo

Orata FA Sparus aurata Mediterraneo (Italia)

Pangasio FA Pangasius hyphothalmus acque dolci Asia Sud-Orientale

Persico a filetti FA Tilapia spp. acque dolci Asia Sud-Orientale

Salmone FA Salmo salar / Oncorhynchus spp. Atlantico / Pacifico

Sardina FP Sardina pilchardus Mediterraneo (Italia)

Seppia FP Sepia officinalis, Sepia (Sepiola) spp. Mediterraneo (Italia)

Sogliola FP Solea vulgaris Mediterraneo (Italia)

Spigola / branzino FA Dicentrarchus labrax Mediterraneo (Italia)

Triglia FP Mullus spp. Mediterraneo (Italia)

Vongola filippina FA Tapes philippinarum Mediterraneo (Italia)

FERMATI

Anguilla FA Anguilla anguilla Mediterraneo /Atlantico

Bianchetto FP Sardina pilchardus (giovanile) Mediterraneo (Italia)

Capasanta FP Pecten jacobaeus Mediterraneo / Atlantico

Cernia FP Epinephelus spp. Mediterraneo / Atlantico

Halibut della Groenlandia S Reinhardtius hippoglossoides Atlantico settentr.

Merluzzo bianco FP-S Gadus morhua Atlantico settentrionale

Nasello FP Merluccius merluccius Mediterraneo / Atlantico

Occhialone FP Pagellus bogaraveo Mediterraneo (Italia)

Platessa FP-S Pleuronectes platessa Atlantico

Pesce specchio S Hoplostethus spp. Atlantico / Pacifico

Pesce spada FP Xiphias gladius Mediterraneo

Rana pescatrice / coda di rospo FP-S Lophius piscatorius, L. budegassa Mediterraneo / Atlantico

Razze FP Raya spp. Mediterraneo / Atlantico

Squali FP-S Lamna nasus, Prionace glauca, Squalus spp. Mediterraneo / Atlantico

Tonno alalunga FP Thunnus alalunga Mediterraneo

Tonno rosso FP Thunnus thynnus Mediterraneo / Atlantico


DATI SU CONSUMI (fonte ISMEA)

 Consumi: Il periodo delle festività natalizie (9 dicembre 2007 - 5 gennaio 2008) ha fatto registrare, per gli acquisti domestici di prodotti ittici in Italia, la flessione tendenziale più marcata di tutto l'anno: la diminuzione dei quantitativi consumati in casa (poco più di 38.900 tonnellate) è stata del 4,9%, quella della spesa (oltre 423,5 milioni di euro) del 5,6%. In particolare, rispetto allo stesso periodo del 2006, le famiglie hanno ridotto del 9,1% i consumi di prodotti ittici congelati sfusi, del 7,9% quelli dei prodotti freschi e decongelati sfusi e del 6,3% le richieste di congelato/surgelato ittico confezionato. 
 

Consumi: È proseguita, anche a gennaio 2008 la flessione tendenziale dei consumi domestici di prodotti ittici: dopo il -4,9% in volume riscontrato a dicembre, la diminuzione della domanda, nel periodo in esame, è stata dell'1,1% rispetto a gennaio 2007, a fronte di un incremento dell'esborso dell'1%. Complessivamente le famiglie italiane hanno consumato in casa poco più di 34 mila tonnellate di prodotti ittici, spendendo oltre 337 milioni di euro. Si sono confermate in sensibile calo le richieste di prodotti congelati sfusi (-10,7%) e di quelli freschi e decongelati sfusi (-3,7%), mentre è da registrare, in questo mese, il buon andamento dei prodotti secchi, salati e affumicati sfusi e confezionati (+8,6%) e di quelli congelati/surgelati confezionati (+7,9%). 
 

Settimana dal 24 al 30 novembre 2008 - Mercato all'ingrosso - Le condizioni meteorologiche negative che perdurano ormai da circa dieci giorni, hanno influito sull'attività di cattura della flotta nazionale; infatti, non poche marinerie hanno denunciato il limitato numero di battute di pesca a causa del mare molto mosso e di fenomeni temporaleschi. Di conseguenza, gli sbarchi dei prodotti ittici nei principali porti della penisola hanno fatto registrare un segno negativo rispetto alla settimana precedente. La richiesta è stata soddisfatta solo in parte e ciò ha comportato un ulteriore aumento dei prezzi che risultano piuttosto alti rispetto al periodo stagionale.

WWF Italia
http://www.wwf.it/client/render.aspx
 

 

 

Flash News

Oltre la metà dei 373 partecipanti è entrato nel mondo del lavoro

Per il primo anno in Basilicata presso la Fondazione Nitti a Maratea. Borse di studio, crediti formativi riconosciuti dall'Ordine dei Giornalisti per professionisti e pubblicisti, escursioni, workshop, in un percorso formativo unico nel nostro Paese. C'è tempo fino al 20 aprile per iscriversi alla XVI edizione del Corso EuroMediterraneo di gior-nalismo ambientale Laura Conti che si tiene per il primo anno in Basilicata, nella splendida struttura di Villa Nitti, a Maratea. L'iniziativa si svolge dal prossimo 22 maggio al 30 giugno e prevede laboratori, borse di studio e un workshop di una settimana in cui si producono servizi giornalistici sulle valenze naturali e sociali, le risorse e le opportunità di sviluppo dell'area. In programma degustazioni di prodotti tipici e visite guidate nel territorio della Basilicata.

Leggi tutto...

Cerca nel Sito

Archivio Agenziadistampa 2001-2012

Per Visitare il vecchio archivio Articoli di Agenziadistampa.eu andate alla pagina www.agenziadistampa.eu/index-archivio.html

Scienzeonline.com
Autorizzazione del Tribunale di Roma n 227/2006 del 29/05/2006 Agenzia di Stampa a periodicità quotidiana - Pubblicato a Roma - V. A. De Viti de Marco, 50 - Direttore Responsabile: Guido Donati.

Agenziadistampa.eu - tvnew.eu
Direttore Responsabile Guido Donati
Autorizzazione del Tribunale di Roma n 524/2001 del 4/12/2001 Agenzia di Stampa quotidiana - Pubblicata a Roma - V. A. De Viti de Marco, 50

Free business joomla templates