Questo sito utilizza cookie per implementare la tua navigazione e inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per saperne di più clicca leggi

Sei qui: HomeAutori Scienzeonline.comComunicati StampaSinergie internazionali nel Premio Sapio per la ricerca italiana

Sinergie internazionali nel Premio Sapio per la ricerca italiana

Valutazione attuale:  / 0
ScarsoOttimo 

Un contesto cosmopolita e di ampio respiro per l'edizione 2010 di uno dei più ambiti premi nazionali per i giovani ricercatori.

5 RICERCATORI ESTERI IN LIZZA, UNA RICERCA CANDIDATA DALLA SVIZZERA E UNA CREATA IN COLLABORAZIONE CON L’HARVARD MEDICAL SCHOOL: IL PANORAMA ITALIANO DELLA RICERCA SI ARRICCHISCE DI COLABORAZIONI INTERNAZIONALI CHE SARANNO MESSE A DISPOSIZIONE DELLE AZIENDE ITALIANE. I ricercatori hanno voglia di far conoscere alla comunità scientifica, ma anche ai non addetti ai lavori, ciò su cui stanno lavorando, l’importanza del loro impegno, che è finalizzato alla scoperta di nuove soluzioni, per la salute, per la sostenibilità ambientale, per il miglioramento della qualità della vita.Un impegno che richiede molto tempo e risorse, ma senza il quale non ci può essere crescita e sviluppo. Finalità del Premio Sapio è quello di divulgare il lavoro dei ricercatori e mettere a disposizione della comunità scientifica e imprenditoriale italiana tutte le 84 ricerche pervenute perché possano essere applicate, sviluppate e portate avanti. Un piccolo ma importante segnale in un momento certamente non facile per la ricerca nel nostro Paese, per dire quanto essa sia fondamentale, quanto debba essere sostenuta e incentivata. Sono 84 i Progetti giunti quest’anno che propongono alla comunità scientifica risultati di ricerca di grandissimo interesse in particolare nel settore salute e ambiente. In controtendenza con quello che è considerato il trend della ricerca italiana, la fuga dei cervelli, il Premio Sapio attira ricerche e ricercatori di respiro internazionale: coinvolti, ad esempio, l’Institute for Professionalism and Ethical Practice, Children’s Hospital Boston, Harvard Medical School e la London School of Economics and Political Science. Inoltre si sono candidati un ricercatore bosniaco, due ricercatori americani e una cubana – tutti ovviamente hanno effettuato le ricerche in Italia, così come recita il regolamento che vuole dare valore alla ricerca italiana. Indipendentemente da quello che sarà l’elenco dei vincitori, le ricerche rappresentano passi avanti concreti e importantissimi in settori fondamentali per la qualità della vita di tutti, come sono la salute e l’ambiente.Basta una scorsa ai contenuti di questi lavori per rendersi conto che si tratta di risultati di eccellenza, che porteranno ad applicazioni significative. Due esempi delle ricerche internazionali candidate: Dalla London School of Economics and Political Science si candida la ricerca “Moving to a multichannel and multiplatform company in the emerging and digital media eco-system” che si occupa dell’aspetto economico del cambiamento culturale e sociale dei modelli di business sopravvenuti con la rivoluzione digitale. Oggi, infatti, uno dei temi cruciali nell'industria mediatica è il cambiamento e il diffondersi di una nuova ecologia dei Media, che implica la definizione di nuovi modelli di business e approcci per il futuro. La ricerca della candidata si è concentrata sul contesto italiano che presenta diverse peculiarità rispetto al più ampio contesto Europeo. In particolare, si è analizzato il caso del Gruppo Mediaset e il relativo approccio all'innovazione con l'affermazione di un modello di business ibrido a fronte dello sviluppo di un mercato televisivo sempre piu' competitivo e multimediale.
Dalla collaborazione con l’Institute for Professionalism and Ethical Practice, Children’s Hospital Boston, Harvard Medical School nasce la ricerca: “La comunicazione dell’evento avverso: valutazione di un progetto formativo interdisciplinare con l’uso di simulazioni”. Il tema della gestione del rischio clinico e della comunicazione degli eventi avversi ha assunto negli ultimi anni una notevole rilevanza nel contesto internazionale ed italiano. Grazie a questo dibattito anche la cultura sanitaria del nostro paese, riguardo l’errore, sta cambiando. Partendo dall’idea di errore come mancanza del sistema ed incentivo al miglioramento, diversi strumenti sono stati introdotti nella realtà sanitaria italiana per analizzare le insufficienze dell’organizzazione e progettare barriere protettive. Molte iniziative formative sono state intraprese per accrescere la consapevolezza degli operatori sulle problematiche legate alla sicurezza dei pazienti e tradurre tali acquisizioni ne lla quotidiana pratica professionale. Nonostante l’importanza dell’attivita’ strategica e preventiva, pochi interventi formativi sono stati realizzati per formare gli operatori alla comunicazione dell’evento avverso ai pazienti e ai famigliari- compito difficile, emotigeno e per questo spesso delegato o rimandato. All’interno di un piu’ ampio progetto formativo sulle conversazioni difficili (Progetto PERCS) svolto presso l’Ospedale San Paolo di Milano in collaborazione con il Children’s Hospital di Boston, nel 2010 e’ stato adattato per la realtà italiana e progettato un workshop sulla comunicazione degli eventi avversi (PERCS-errore).
 Il Premio Sapio per la Ricerca Italiana… nasce nel 1999 dall’impegno e dalla determinazione di prestigiose Università, di numerosi Centri di Ricerca e del Gruppo Sapio, azienda leader nel settore dei gas tecnici e medicinali, puri, purissimi e liquidi criogenici, che da sempre si impegna sul fronte della ricerca finalizzata all’individuazione di nuove tecnologie per la qualità della vita, con l’obiettivo di dare impulso alla Ricerca scientifica in Italia, offrendo a ricercatori e docenti l’opportunità di avere una vetrina per far conoscere gli studi sviluppati su applicazioni innovative, dai potenziali effetti benefici per la società civile.Dal 1999 a oggi, il valore e l’importanza del Premio sono andati crescendo. L’iniziativa ha ottenuto, solo per citare un esempio, per il suo valore meritorio, l’Alto Riconoscimento della Presidenza della Repubblica e della Camera dei deputati.

 

Più di dieci anni di grandi risultati, in cui il Premio Sapio ha fatto un’azione di divulgazione scientifica, allargando contenuti di spessore e valore eccezionali, dalla nicchia della comunità degli studiosi al grande pubblico, grazie all’attenzione dei media, grazie al coinvolgimento degli atenei universitari e delle industrie, degli enti pubblici, grazie a tutti coloro che possono aiutare la Ricerca e che con il Premio Sapio sono stati motivati a farlo.

L’edizione 2010/2011 si articola in tre aree tematiche - Innovazione e sviluppo economico, Innovazione ed energia, Nuove tecnologie e salute  - e ha previsto  l’organizzazione di tre Giornate di Studio, occasioni di incontro e confronto tra docenti e studiosi di fama internazionale presso Università e Centri di Ricerca di diverse Regioni italiane, allo scopo di promuovere la socializzazione della conoscenza e di rendere possibile una più attiva collaborazione tra chi fa Ricerca, chi la promuove e chi la applica.Oltre alle Giornate di Studio, altro momento topico della rassegna è rappresentato dalla scelta dei ricercatori meritevoli ai quali assegnare i premi, individuati sulla base dei curricula presentati dagli Enti coinvolti. Questa edizione  del Premio prevede l’assegnazione di due diverse tipologie di premi:·          Premi Junior: quattro, da attribuire a giovani ricercatori italiani. ·          Premio Industria: il premio è da assegnare a un ricercatore operante in particolare nel settore industriale. I premi sono riservati a contributi rilevanti per l’avanzamento nella Ricerca scientifica e tecnologica: i risultati devono essere stati perseguiti nel corso del triennio precedente alla data di pubblicazione del bando di concorso e devono aver apportato concreti progressi in Italia. 

Aggiungi commento

Codice di sicurezza
Aggiorna

Flash News

Zum fünften Mal bietet das Heidelberger Institut für Theoretische Studien (HITS) berufserfahrenen Wissenschaftsjournalistinnen und –journalisten aus aller Welt die Möglichkeit eines drei- bis sechsmonatigen Gastaufenthalts. Sie erhalten während dieser Zeit Gelegenheit zu einem tieferen Einblick in rechnergestützte, datengetriebene Forschung. Der Aufenthalt wird mit 5000 Euro im Monat vergütet und soll den Journalisten ermöglichen, ohne den Druck des Tagesgeschäfts zu arbeiten. Bewerbungsschluss ist am 15. September 2015, der Aufenthalt soll im Laufe des Jahres 2016 stattfinden.

Leggi tutto...

Cerca nel Sito

Archivio Agenziadistampa 2001-2012

Per Visitare il vecchio archivio Articoli di Agenziadistampa.eu andate alla pagina www.agenziadistampa.eu/index-archivio.html

Scienzeonline.com
Autorizzazione del Tribunale di Roma n 227/2006 del 29/05/2006 Agenzia di Stampa a periodicità quotidiana - Pubblicato a Roma - V. A. De Viti de Marco, 50 - Direttore Responsabile: Guido Donati.

Agenziadistampa.eu - tvnew.eu
Direttore Responsabile Guido Donati
Autorizzazione del Tribunale di Roma n 524/2001 del 4/12/2001 Agenzia di Stampa quotidiana - Pubblicata a Roma - V. A. De Viti de Marco, 50

Free business joomla templates