Questo sito utilizza cookie per implementare la tua navigazione e inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per saperne di più clicca leggi

Sei qui: HomeAutori Scienzeonline.comCinemaUna scossa non sempre da brivido

Una scossa non sempre da brivido

Valutazione attuale:  / 0
ScarsoOttimo 

Scossa di Lizzani, Maselli, Gregoretti, Russo

Scossa è una pellicola sugli aspetti del catastrofico terremoto di Messina e Reggio Calabria, avvenuto nel 1908 e raccontato a otto mani da Carlo Lizzani, Citto Maselli, Ugo Gregoretti e Nino Russo. Fuori Concorso, alla 68esima del Lido, il lungometraggio consta di quattro episodi, per indagare e presentare le immagini più care ad ognuno dei quattro maestri, relative a quella sciagura tellurica: la perdita degli affetti, i fatti di sangue e sciacallaggio, il bilancio socio-economico del dopo terremoto e i tardivi provvedimenti dello Stato, in soccorso ed assistenza ai terremotati. Il merito della pellicola, nel complesso, sta nel fatto che quel che resta di una calamità sismica non è diversa a Messina, come ad Haiti, a L’Aquila o a New Orleans, anche se i registi italiani hanno, comunque, privilegiato elementi tutti nostrani. In Speranza di Carlo Lizzani, una madre vedova, lasciata morire sotto le macerie, riesce a vincere la sua agonia, con la consolazione che i suoi figli sono salvi e con l’illusione di ricongiungersi in cielo al marito perduto da giovane, a cui porta la lieta notizia sui ragazzi. 

Image

Sciacalli di Maselli, invece, narra di un galeotto, interpretato da Massimo Ranieri, che la vita la ama profondamente come ama perdutamente sua moglie - personaggio con il volto di Amanda Sandrelli - e fa il pazzo pur di andare a vedere se è sopravvissuta. Eppure, la felicità di qualcuno è fonte d’invidia negli altri e i due sposi si ricongiungeranno solo nella morte, non causata dalla natura questa volta ma dalla mano dell’uomo…Quando si dice la scalogna!...

Image

Molta ironia si ravvisa nell’episodio Sembra un secolo di Nino Russo, in cui il pescatore Turi è costretto a vivere centosessant’anni nell’attesa che lo Stato gli restituisca la casa distrutta dal sisma. Più didascalico, in ultimo, risulta Lungo le rive della morte di Gregoretti in cui il giornalista Giovanni Cena-Paolo Briguglia è l’autore di un reportage letterario e fotografico su quell’infausta notte di Natale di cent’anni fa. In tutti gli episodi, di interessante si nota l’uso del bianco e nero e dei fondali posticci: i due elementi stilistici, infatti, rendono bene l’idea di qualcosa che si libra o resta intrappolato tra la vita e la morte. L’episodio diretto dal Maestro Lizzani è il più riuscito, sotto quest’aspetto, specie per il gioco del cineasta tra il reale e l’immaginato, dove l’elemento trasognato si confonde con quello vissuto e viceversa, conquistando lo spettatore con un’emozione raffinata. Pur non lasciando la sala con l’animo particolarmente touché, specie in relazione gli altri episodi, lo spettatore avverte, in generale, nell’aria dell’intera pellicola, un vago sentore di tragedia greca ma, d’altronde, il Sud Italia è figlio diretto della stessa e non sarebbe deontologico ignorarla. Perciò, quel che sembra ridondante per certe realtà risulta sobrio per altre.

Margherita Lamesta

Aggiungi commento

Codice di sicurezza
Aggiorna

Flash News

La conservazione della natura nelle pratiche agricole, restituendo spazio agli habitat naturali all’interno degli agroecosistemi ha un ruolo sempre più strategico. Lo ricorda il WWF nella Giornata Mondiale dell’Alimentazione indetta dalla FAO. Si tratta di un obiettivo richiamato anche nel documento finale del G7 Agricoltura che si è concluso ieri a Bergamo, dove al punto 16 della dichiarazione dei Ministri dell’Agricoltura i Paesi più sviluppati si sono impegnati a “sostenere il ripristino degli ecosistemi, la conservazione e la protezione della biodiversità e l'uso sostenibile delle risorse genetiche e naturali, in particolare del suolo e dell'acqua, come strumenti importanti per lo sviluppo di una agricoltura più produttiva, competitiva, resiliente, sostenibile e di alta qualità e come componenti necessari per la gestione dei rischi per l’agricoltura”.

Leggi tutto...

Cerca nel Sito

Archivio Agenziadistampa 2001-2012

Per Visitare il vecchio archivio Articoli di Agenziadistampa.eu andate alla pagina www.agenziadistampa.eu/index-archivio.html

Scienzeonline.com
Autorizzazione del Tribunale di Roma n 227/2006 del 29/05/2006 Agenzia di Stampa a periodicità quotidiana - Pubblicato a Roma - V. A. De Viti de Marco, 50 - Direttore Responsabile: Guido Donati.

Agenziadistampa.eu - tvnew.eu
Direttore Responsabile Guido Donati
Autorizzazione del Tribunale di Roma n 524/2001 del 4/12/2001 Agenzia di Stampa quotidiana - Pubblicata a Roma - V. A. De Viti de Marco, 50

Free business joomla templates