Questo sito utilizza cookie per implementare la tua navigazione e inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per saperne di più clicca leggi

Sei qui: HomeAutori Scienzeonline.comAstronomiaCassini-Huygens scopre un oceano di acqua e ammoniaca su Titano

Cassini-Huygens scopre un oceano di acqua e ammoniaca su Titano

Valutazione attuale:  / 0
ScarsoOttimo 

L’oceano di Titano: la missione Cassini-Huygens scopre un fitto strato di acqua e ammoniaca sotto la superficie del satellite

L’ultima scoperta della sonda Cassini-Huygens è un oceano di acqua e ammoniaca sotto la superficie di Titano, la più grande luna di Saturno. L’oceano, la cui profondità non è stata ancora calcolata con precisione, si estende sotto uno strato di ghiaccio spesso all’incirca 100-200 km.
 

La presenza di acqua e ammoniaca sul satellite non stupisce gli scienziati, visto che queste due sostanze, molto leggere, fanno parte dell’atmosfera di Saturno e quindi devono aver giocato un ruolo importante anche nella formazione della sua luna.

L’atmosfera di Titano è così densa da rendere praticamente impossibile la visibilità. La sonda spaziale ha utilizzato un radar ad apertura sintetica (Sar, Synthetic Aperture Radar) che consente di vedere, attraverso la fitta coltre di nubi, la superficie del pianeta, ma non quello che c’è sotto. Come hanno fatto, quindi, gli scienziati a scoprire la presenza di un oceano sotterraneo? Hanno selezionato cinquanta punti particolarmente interessanti tra laghi, canyon e montagne, e si sono accorti che quelle zone non si trovavano più dove erano state individuate nelle precedenti rilevazioni, ma si erano spostate di 30 km. L’unica ipotesi plausibile per spiegare questo spostamento dei punti caratteristici è che la superficie del pianeta, fatta soprattutto di ghiacci e di materiali organici, poggi sopra uno strato oceanico che la separa dal nucleo roccioso.

Il satellite, secondo gli scienziati, è continuamente sottoposto all’azione di forti venti stagionali. Se Titano fosse completamente solido, l’effetto della circolazione atmosferica sarebbe impercettibile, invece la presenza di acqua nella struttura interna fa sì che la superficie ghiacciata, galleggiando su uno strato liquido, venga spostata con facilità dalle turbolenze atmosferiche.

Se i dati della sonda Cassini-Huygens venissero confermati, Titano si rivelerebbe il quarto satellite del sistema solare, a parte la Terra, ad avere un oceano. Prima di lui sono state scoperte tre lune di Giove con questa caratteristica: Europa, Ganimede e Callisto. Titano, però, è l’unico pianeta del sistema solare con una vera e propria atmosfera. Un pianeta vivo, dunque, in cui, oltre all’acqua, si trovano molti altri ingredienti, come gli idrocarburi e i composti organici, elementi essenziali per la nascita della vita.

Prima di studiarlo da vicino, gli scienziati credevano che Titano fosse ricoperto da un grande mare di idrocarburi. Solo nel 2004, quando la missione Cassini ha cominciato a trasmettere le prime immagini radio, ci si è resi conto che il pianeta in realtà era allo stato solido: metano, etano ed altri gas allo stato liquido formavano solo laghi superficiali. La recente scoperta, quindi, apre nuove prospettive di ricerca e nei prossimi anni Titano sarà un interessante laboratorio di sperimentazione, anche se gli manca, almeno per ora, un ingrediente fondamentale: l’energia.

Veronica Rocco

Aggiungi commento

Codice di sicurezza
Aggiorna

Flash News

 

Ma ci sono anche due buone notizie: la legge salva-cetacei entra in vigore in Francia
mentre alcune navi battenti bandiera italiana adottano sistema anticollisione

Cetacei a rischio, in particolare le balenottere comuni che nuotano nel Mediterraneo: il WWF lancia l’allarme sull’impatto del traffico marittimo nel mare nostrum per le grandi specie marine. Ogni anno, secondo il WWF la media dei grandi mammiferi marini uccisi dalle collisioni con le navi è di 40 esemplari l’anno*. Le cause della morte di almeno la metà delle balenottere comuni (Balaenoptera physalus) che vengono ritrovate colpite risalgono alla collisione con le navi: le aree "a rischio" sono quelle in cui si sovrappone un intenso traffico marittimo e la presenza regolare di grandi cetacei. Con un tasso di crescita del 3-4% l'anno, il traffico marittimo nel Mediterraneo è quasi raddoppiato dal 2002 e continuerà ad aumentare. Un impatto non sostenibile che concentra in uno specchio d’acqua, pari allo 0,32% del volume totale di tutti gli oceani del mondo, il 19% del traffico mondiale e allo stesso tempo ospita il 7,5% di tutte le specie marine del pianeta. Il tasso di crescita del traffico marittimo fa aumentare il rischio di collisione nel Santuario Pelagos** , la più grande area protetta del Mediterraneo condivisa tra Italia, Principato di Monaco e Francia dove è più abbondante la presenza dei cetacei e l'intensità dei servizi turistici destinati alla Corsica e alla Sardegna.

Leggi tutto...

Cerca nel Sito

Archivio Agenziadistampa 2001-2012

Per Visitare il vecchio archivio Articoli di Agenziadistampa.eu andate alla pagina www.agenziadistampa.eu/index-archivio.html

Scienzeonline.com
Autorizzazione del Tribunale di Roma n 227/2006 del 29/05/2006 Agenzia di Stampa a periodicità quotidiana - Pubblicato a Roma - V. A. De Viti de Marco, 50 - Direttore Responsabile: Guido Donati.

Agenziadistampa.eu - tvnew.eu
Direttore Responsabile Guido Donati
Autorizzazione del Tribunale di Roma n 524/2001 del 4/12/2001 Agenzia di Stampa quotidiana - Pubblicata a Roma - V. A. De Viti de Marco, 50

Free business joomla templates