Questo sito utilizza cookie per implementare la tua navigazione e inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per saperne di più clicca leggi

Sei qui: HomeAutori Scienzeonline.comArcheologiaSvelato il tempio di Augusto sotto la cattedrale “La Seu” di Tarragona

Svelato il tempio di Augusto sotto la cattedrale “La Seu” di Tarragona

Valutazione attuale:  / 0
ScarsoOttimo 

Svelato il tempio di Augusto sotto la cattedrale “La Seu” di Tarragona. Dalla geofisica un nuovo metodo per scoprire i tesori nascosti, senza muovere una pietra

Grazie alla metodologia geoelettrica full 3D, sta per essere svelato l’enigma del Tempio di Augusto, le cui rovine sorgono sotto l’ antica cattedrale “La Seu” di Tarragona.

 

 L’indagine, condotta dal gruppo di ricerca coordinato dal professor Pietro L. Cosentino [1] del CNR di Palermo, in collaborazione con l’Università di Barcellona, è stata sponsorizzata dall’ICAC e dal comune di Tarragona, per riportare alla luce l’ultimo monumento sepolto dell’antico nucleo romano di Tarraco [2].

La difficoltà di localizzare il monumento – sovrastato dalla cattedrale – ha reso necessario adottare delle tecniche di indagine geofisica non invasive, per evitare di compromettere la struttura dell’intero edificio.

L’équipe di Cosentino ha messo a punto una tecnologia basata sull’analisi tomografica elettrica ed elettromagnetica, molto simile a quella usata nella diagnostica medica.

Il pavimento della cattedrale è stato ricoperto con 1280 elettrodi monouso che rilevano la “risposta” del terreno alle sollecitazioni elettriche.

I ricercatori hanno raccolto oltre centomila dati sulle variazioni di resistività nel sottosuolo al passaggio di corrente. Dall’analisi dei dati risulta che alcuni punti sotterranei reagiscono in maniera differente alle scariche elettriche, ossia presentano valori di resistività diversi rispetto al terreno limitrofo. L’individuazione di questi punti consente di localizzare le strutture murarie sottostanti, che corrispondono ai resti dell’antico Tempio augusteo.

L’elaborazione dei dati permetterà anche di realizzare un modello tridimensionale del sottosuolo, evidenziando alcune tracce ornamentali come per esempio frammenti di colonnato.

La tecnologia usata dai ricercatori di Palermo perfeziona la cosiddetta "tomografia elettrica", una metodologia di misura che, sviluppando la prospezione geoelettrica messa a punto alcuni anni fa, sfrutta i progressi dell'elettronica per restituire rappresentazioni bidimensionali e tridimensionali delle caratteristiche elettriche del sottosuolo.

Gli ambiti di applicazione di questa metodologia sono innumerevoli. La geofisica da anni sfrutta strumenti di indagine come la tomografia per individuare discariche sepolte o abusive - misurando la resistività del terreno energizzato, infatti, è possibile individuare ogni materiale che genera una discontinuità, come plastica o vetroresina -, localizzare inquinanti nel terreno, individuare cavità o disomogeneità del sottosuolo. A partire dagli anni ‘80 la metodologia viene applicata con successo anche nell’ambito dei Beni Culturali per lo studio non invasivo di siti archeologici, manufatti e materiali da costruzione.

Note:

[1]  Membro del Consiglio scientifico del Gruppo nazionale di Geofisica della Terra Solida del Cnr e docente presso l'Università di Palermo, Dipartimento CFTA (Chimica e Fisica della Terra ed Applicazioni)

[2] Arroccata su uno sperone di roccia affacciato sul Mediterraneo, lungo la costa nord-orientale della Spagna, Tarragona è il capoluogo della Catalogna. Sorge sulle rovine di un’antica città romana, Tarraco. Il suo nucleo originale (oppidum) risale al V secolo a.C., ma la città iberica conobbe il massimo fulgore sotto la dominazione di Roma, a partire dal 220 a.C., quando divenne la più importante base militare romana della Spagna. Nel I secolo d.C., ottenuta la cittadinanza latina, Tarraco subì importanti modificazioni urbanistiche, con la costruzione del grande foro provinciale, del circo e, più tardi, dell’anfiteatro. Il tempio di Augusto, eretto in onore dell’Imperatore, che tra il 26 e il 25 a.C. soggiornò nella città iberica per dirigere le campagne militari di Cantabria e Asturie, fu il primo tempio dedicato ad un imperatore romano. Nel 2001 Il complesso archeologico di Tarraco è stato dichiarato dall’UNESCO patrimonio mondiale dell’umanità

Veronica Rocco

Flash News

Crash test: i manichini di ultima generazione sono completamente "virtuali"

Le industrie automobilistiche di tutto il mondo investono ogni anno milioni di dollari per fare i "crash test": simulazioni in laboratorio di incidenti reali per verificare i sistemi di sicurezza delle proprie vetture. Quelle che non superano la prova sono automaticamente escluse dal mercato.

Leggi tutto...

Cerca nel Sito

Archivio Agenziadistampa 2001-2012

Per Visitare il vecchio archivio Articoli di Agenziadistampa.eu andate alla pagina www.agenziadistampa.eu/index-archivio.html

Scienzeonline.com
Autorizzazione del Tribunale di Roma n 227/2006 del 29/05/2006 Agenzia di Stampa a periodicità quotidiana - Pubblicato a Roma - V. A. De Viti de Marco, 50 - Direttore Responsabile: Guido Donati.

Agenziadistampa.eu - tvnew.eu
Direttore Responsabile Guido Donati
Autorizzazione del Tribunale di Roma n 524/2001 del 4/12/2001 Agenzia di Stampa quotidiana - Pubblicata a Roma - V. A. De Viti de Marco, 50

Free business joomla templates