Questo sito utilizza cookie per implementare la tua navigazione e inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per saperne di più clicca leggi

Sei qui: HomeAutori Scienzeonline.comAmbienteLa Cina e il declino delle grandi dinastie: tutta colpa dei monsoni?

La Cina e il declino delle grandi dinastie: tutta colpa dei monsoni?

Valutazione attuale:  / 0
ScarsoOttimo 

Allarme siccità in Cina. Uno studio pubblicato su Science analizza il rapporto tra piogge, monsoni e antropologia culturale

Che cos' hanno in comune l'attuale allarme sulla diminuzione delle piogge nel nord della Cina e la caduta di tre storiche dinastie del Celeste Impero? secondo uno studio apparso sulla rivista Science [1] e condotto dall'università del Minnesota in collaborazione con l'università di Lanzhou, la risposta potrebbe essere l'indebolimento dei monsoni asiatici.

Gli scienziati sono arrivati a questa conclusione dopo aver studiato le "tracce" climatiche racchiuse negli strati di una stalagmite lunga 118 millimetri, rinvenuta nella grotta di Wanxiang, nella provincia cinese di Gansu.

La stalagmite ha 1810 anni. L'analisi dell'uranio e del torio, infatti, ha permesso di datare ogni singolo strato: quello più basso risale al 190 d.C, l'ultimo risale al 2003, anno in cui è stata trovata la stalagmite. Quello che più sorprende è il fatto di aver trovato tracce climatiche così recenti nei depositi di una grotta sotterranea. Analizzando le "impronte" lasciate da due diversi tipi di ossigeno, gli scienziati hanno collegato la quantità di precipitazioni - che sono un indice della forza dei Monsoni - alle varie datazioni.

I Monsoni - spiega uno degli autori della ricerca - hanno origine nell'Oceano Indiano e d'estate, quando diventano più impetuosi, si spingono fino al nord della Cina, facendo aumentare le precipitazioni. Quando i monsoni si indeboliscono, la pioggia cade sulle regioni meridionali e orientali del Paese, ma lascia "a secco" il nord, che è la zona più ricca di coltivazioni di riso. Questo spiegherebbe il declino delle antiche dinastie cinesi.

La periodizzazione tracciata dai paleoclimatologi [2] ha evidenziato che la riduzione dei monsoni e la conseguente diminuzione delle piogge hanno coinciso con l’ultima fase di tre delle più potenti dinastie nella storia della Cina: Tang (dall’ 850 d.C. al 940 d.C.), Yuan (dal 1350 al 1380) e Ming (dal 1580 al 1640).

Un' ulteriore conferma di questa ipotesi viene dal fatto che monsoni estivi particolarmente "generosi" colpivrono la Cina in uno dei suoi periodi più fulgidi, ossia durante la Dinastia Song del Nord. In questa fase, infatti, la coltivazione del riso si diffuse anche nelle regioni del centro-nord e la popolazione cinese raddoppiò.

Lo studio ha evidenziato curiose "anomalie" climatiche nel corso dei secoli. La siccità che colpì la Cina alla fine della dinastia Tang, per esempio, coincide con un periodo di alluvioni precedentemente identificato dagli scienziati dall'altra parte del Pianeta, in coincidenza con il crollo dell'impero Maya. Inoltre, mentre le piogge estive colpivano la Cina settentrionale durante la dinastia Song, in Europa iniziava il periodo caldo del Medioevo.

L'aspetto più interessante della ricerca riguarda il rapporto tra temperatura e intensità dei monsoni: nell'arco di 1810 anni, ossia l'età della stalagmite, l'aumento delle temperature medie ha fatto aumentare l'intensità dei monsoni. A partire dal 1960, invece, si assiste ad una brusca inversione di tendenza, causata dalle attività industriali dell'uomo: al surriscaldamento del pianeta corrisponde un indebolimento dei monsoni ed un aumento della siccità. La teoria dei monsoni, avverte Larry Edwards, uno degli autori dello studio, spiega solo in parte i cambiamenti climatici, ma può essere un utile strumento di indagine per future ricerche.

[1] A.A.V.V. “A Test of Climate, Sun, and Culture Relationships from an 1810-Year Chinese Cave Record” Science 7 November 2008: Vol. 322. no. 5903, pp. 940 – 942 DOI: 10.1126/science.1163965

[2] La paleoclimatologia è una branca delle scienze della Terra che ha acquistato sempre maggiore interesse negli ultimi anni poiché permette di ricostruire i cambiamenti climatici del passato attraverso la registrazione di eventi naturali che hanno modificato l’ambiente e le cui tracce sono rinvenibili nei sedimenti, nei coralli, nei fossili, nei ghiacciai. La paleoclimatologia offre informazioni preziose per elaborare piani adeguati ed affrontare i futuri cambiamenti climatici.


Link consigliati

Science
http://www.sciencemag.org/

National Science Foundation
http://www.nsf.gov/

Approfondimenti
A.A.V.V. “A Test of Climate, Sun, and Culture Relationships from an 1810-Year Chinese Cave Record” Science 7 November 2008: Vol. 322. no. 5903, pp. 940 – 942 DOI: 10.1126/science.1163965
Veronica Rocco

 

 

 

Flash News

 

Dal martedì prossimo si riparte con prenotazioni obbligatorie e regole di visita secondo le misure indicate dal governo e dalle regioni
Dal 26 maggio riaprono anche 12 biblioteche: attivo il prestito, prenotazione anche per restituzione

RDal 19 maggio riaprono al pubblico i Musei Capitolini, il Museo di Roma a Palazzo Braschi e il Palazzo delle Esposizioni. I Musei Capitolini saranno aperti dal 19 al 21 maggio solo per i possessori MIC previa prenotazione, dal 22 previa prenotazione per tutti (MIC inclusa). Si potrà tornare a vivere, così anche di persona, esperienze fondamentali della vita sociale e culturale per ogni cittadino. La riapertura avverrà nel rispetto delle linee di indirizzo per la riapertura delle attività economiche, produttive e ricreative della Conferenza delle Regioni e delle Province autonome.
Seguirà a questa prima fase la ripresa delle attività dal 2 giugno nei musei dell’Ara Pacis, Mercati di Traiano, Fori Imperiali, Centrale Montemartini, Museo di Roma in Trastevere, Galleria d’Arte Moderna, Musei di Villa Torlonia, Museo Civico di Zoologia, Museo Bilotti, Museo Barracco, Museo Napoleonico, Museo Canonica, Museo della Repubblica romana, Casal de’ Pazzi, Museo delle Mura e nelle aree archeologiche aperte al pubblico. Il 3 giugno aprirà anche l’Archivio Storico Capitolino. Inoltre dal 26 maggio tornano accessibili anche 12 biblioteche civiche che saranno seguite - gradualmente - dalla riapertura dell'intera rete.

Leggi tutto...

Cerca nel Sito

Archivio Agenziadistampa 2001-2012

Per Visitare il vecchio archivio Articoli di Agenziadistampa.eu andate alla pagina www.agenziadistampa.eu/index-archivio.html

Scienzeonline.com
Autorizzazione del Tribunale di Roma n 227/2006 del 29/05/2006 Agenzia di Stampa a periodicità quotidiana - Pubblicato a Roma - V. A. De Viti de Marco, 50 - Direttore Responsabile: Guido Donati.

Agenziadistampa.eu - tvnew.eu
Direttore Responsabile Guido Donati
Autorizzazione del Tribunale di Roma n 524/2001 del 4/12/2001 Agenzia di Stampa quotidiana - Pubblicata a Roma - V. A. De Viti de Marco, 50

Free business joomla templates