Questo sito utilizza cookie per implementare la tua navigazione e inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per saperne di più clicca leggi

Sei qui: HomeAutori Scienzeonline.comAmbienteCina: meno fertilizzanti chimici per ridurre l’inquinamento da azoto

Cina: meno fertilizzanti chimici per ridurre l’inquinamento da azoto

Valutazione attuale:  / 0
ScarsoOttimo 

Uno studio pubblicato su PNAS dimostra che la Cina può ridurre l’uso di fertilizzanti chimici senza danni per la produzione agricola

Secondo uno studio pubblicato su 'Proceedings of the National Academy of Sciences' (PNAS) il 16 febbraio scorso, l’inquinamento da azoto in Cina può essere combattuto riducendo l’uso di fertilizzanti chimici nelle campagne senza danneggiare i raccolti.

L’agricoltura cinese si basa sul sistema del doppio raccolto: sullo stesso campo, infatti, si alternano due tipi di coltivazioni (ad esempio mais/granoturco o riso/frumento). Questo metodo ha permesso alla Cina di diventare autosufficiente dal punto di vista alimentare, ma l’uso eccessivo di fertilizzanti chimici rilascia una quantità di azoto maggiore di quella di cui hanno bisogno i raccolti, quindi il resto si diffonde nell’ambiente, causando gravi danni agli ecosistemi e alla salute dei cinesi, tra cui la contaminazione da nitrati delle falde acquifere, le emissioni di gas serra ed altre forme di inquinamento atmosferico. Si calcola che dagli anni 80 ad oggi l’uso dei fertilizzanti chimici nelle campagne cinesi sia quasi quadruplicato, passando da 7 milioni a 26 milioni di tonnellate.

Ju Xiao-Tang, autore dello studio e professore presso la facoltà di agraria dell’università di Beijing, ha messo a confronto le comuni tecniche di fertilizzazione con i metodi più innovativi, testandoli su due delle coltivazioni più intensive della Cina: quella di riso e frumento nella regione di Taihu, nell’est della Cina, e quella di granoturco e mais nella pianura del nord. I risultati mostrano che è possibile ridurre del 30%-60% l’utilizzo medio di fertilizzante per ogni ettaro di terra coltivata - pari a circa 600 Kg all’ettaro - senza diminuire i raccolti.

Il sistema consiste nel riciclare il concime naturale e gli scarti del raccolto, alternando i raccolti tradizionali con leguminose che producono azoto. Le radici delle leguminose, infatti, ospitano un batterio, il Rhizobium leguminosarum , chiamato anche azotofissatore , che “fissa”, ossia trasforma, l’azoto gassoso presente nell’atmosfera in azoto solido, quindi utilizzabile dalle piante. In questo modo – spiegano i ricercatori – si può ridurre notevolmente l’uso di fertilizzanti chimici a base di azoto.

Gli agricoltori cinesi usano una grande quantità di azoto perché temono che senza questa sostanza le coltivazioni non abbiano abbastanza sostanze nutritive. Secondo Xiaotang è essenziale che il governo cinese insegni ai suoi contadini ad evitare la sovrafertilizzazione dei campi e il degrado dell’ambiente. L’utilizzo bilanciato di azoto, fosfati, potassio e micronutrienti – afferma Zhang Shuqing, ricercatore presso l’Accademia Cinese di Scienze Agricole – contribuirà a ridurre l’inquinamento senza diminuire la produzione agricola del Paese.

Link consigliati:
Xiao-Tang Ju et Al. “Reducing environmental risk by improving N management in intensive Chinese agricultural systems”. PNAS 2009 106:3041-3046 (16/02/2009)
La versione integrale della pubblicazione è reperibile al seguente link:
http://www.pnas.org/content/106/9/3041.full.pdf+html?sid=bf8c20d5-8e44-4b17-ad04-2c2c59e5d0b8

Emma Bariosco

 

Flash News

Stati Uniti: le frontiere del "piccolissimo" sfidano i moralismi della religione

Il linguaggio della scienza non parla quasi mai il nostro lessico quotidiano e questo è uno dei motivi per cui spesso evitiamo di interessarci alle sue tematiche, che ci appaiono oscure e lontane dalla nostra esperienza. A volte, però, capita che a disturbarci non sia solo il "come" viene comunicata la scienza, ma anche il "cosa" viene comunicato. Questo accade quando tra noi e la scienza - o la tecnologia - si insinua qualcosa di più profondo e irrazionale: la religione.

Leggi tutto...

Cerca nel Sito

Archivio Agenziadistampa 2001-2012

Per Visitare il vecchio archivio Articoli di Agenziadistampa.eu andate alla pagina www.agenziadistampa.eu/index-archivio.html

Scienzeonline.com
Autorizzazione del Tribunale di Roma n 227/2006 del 29/05/2006 Agenzia di Stampa a periodicità quotidiana - Pubblicato a Roma - V. A. De Viti de Marco, 50 - Direttore Responsabile: Guido Donati.

Agenziadistampa.eu - tvnew.eu
Direttore Responsabile Guido Donati
Autorizzazione del Tribunale di Roma n 524/2001 del 4/12/2001 Agenzia di Stampa quotidiana - Pubblicata a Roma - V. A. De Viti de Marco, 50

Free business joomla templates