Questo sito utilizza cookie per implementare la tua navigazione e inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per saperne di più clicca leggi

Sei qui: HomeAutori Scienzeonline.comTecnologiaDal CNR di Napoli nuovo metodo per combattere le contraffazioni

Dal CNR di Napoli nuovo metodo per combattere le contraffazioni

Valutazione attuale:  / 0
ScarsoOttimo 

Da Napoli, capitale della contraffazione made in Italy, arriva un metodo innovativo per smascherare i marchi “taroccati”

 I ricercatori dell’Istituto per i materiali compositi e biomedici (Imcb) del Cnr di Napoli hanno ideato un materiale innovativo a prova di contraffazione [1] .
Il materiale, di dimensioni microscopiche, unisce le caratteristiche dei metalli nanoscopici con quelli dei polimeri. Esposto a radiazione ultravioletta di una certa frequenza, emette una combinazione di colori che è quasi impossibile riprodurre.

Semplicemente variando la composizione delle nanoparticelle – fa sapere Gianfranco Carotenuto, uno degli ideatori della matrice salva-marchio – è possibile modificare la tonalità cromatica della luce. Il metallo, ad esempio una lega di oro e argento, diventa il tratto distintivo di un marchio e viene inserito nell’etichetta proprio come il codice di una cassaforte, ma invisibile ad occhio nudo.

Questa tecnologia  consente di proteggere sia il consumatore che le aziende produttrici, la quali rischiano di perdere la propria identità di “brand” di fronte all’attività illegale dei falsari.
La fluorescenza, sottolineano i ricercatori di Napoli, è già ampiamente utilizzata per tutelare l’autenticità dei marchi e, come tale, è già stata presa di mira dai falsari, i quali spesso sono in grado di indovinare la combinazione di colori ”vincente”.

Per garantire un maggior grado di sicurezza, i ricercatori dell’Imcb hanno ideato un metodo esclusivo che sfrutta la composizione di colori del marchio e il tipo di lampada usata per produrre un certo tipo di emissione cromatica. E’ possibile, infatti, modificare sia la combinazione delle particelle metalliche che formano la matrice, sia la tonalità di colore emessa. Inoltre, l’emissione dipende dall’incidenza e dalla lunghezza d’onda con cui il materiale viene irradiato.

Il metodo è particolarmente interessante anche per la varietà di applicazioni: dalle celle fotovoltaiche, alle quali può essere applicato per migliorarne l’efficienza, alla realizzazione di LED e display a colori. Un altro possibile utilizzo è la coltivazione di piante in serra: questa tecnologia, infatti, è in grado di bloccare i raggi ultravioletti, che rallentano il metabolismo delle piante, e di trasformarli in luce rossa che invece ne favorisce la crescita. 

Note:
[1] “Nanotecnologie a prova di contraffazioni”, comunicato stampa del CNR del 10/07/2008
http://www.cnr.it/cnr/news/CnrNews?IDn=1837

Veronica Rocco

Flash News

Nel luglio del 2007 Patricia Mawa, una giovane ricercatrice del Virus Research Institute di Entebbe, Uganda, ha deciso di aprire il primo “café della scienza” dell’Uganda. Sono stati la curiosità della gente e l’interesse della comunità locale nei confronti della scienza e della tecnologia a far balenare l’idea alla ricercatrice ugandese.Leggi tutto...

Cerca nel Sito

Archivio Agenziadistampa 2001-2012

Per Visitare il vecchio archivio Articoli di Agenziadistampa.eu andate alla pagina www.agenziadistampa.eu/index-archivio.html

Scienzeonline.com
Autorizzazione del Tribunale di Roma n 227/2006 del 29/05/2006 Agenzia di Stampa a periodicità quotidiana - Pubblicato a Roma - V. A. De Viti de Marco, 50 - Direttore Responsabile: Guido Donati.

Agenziadistampa.eu - tvnew.eu
Direttore Responsabile Guido Donati
Autorizzazione del Tribunale di Roma n 524/2001 del 4/12/2001 Agenzia di Stampa quotidiana - Pubblicata a Roma - V. A. De Viti de Marco, 50

Free business joomla templates