Questo sito utilizza cookie per implementare la tua navigazione e inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per saperne di più clicca leggi

Sei qui: HomeAutori Scienzeonline.comEventiIl genio di Manzù nel centenario della nascita dell’artista

Il genio di Manzù nel centenario della nascita dell’artista

Valutazione attuale:  / 0
ScarsoOttimo 

Nasce la Fondazione Giacomo Manzù, viene presentato alla stampa l’Atelier del Maestro

Giacomo Manzù, una delle personalità più significative nel panorama della scultura italiana del ‘900, il cui talento, abilità e passione lo hanno reso noto sia in Italia che all’estero, nacque a Bergamo il 22 dicembre 1908. Nella splendida cornice della Galleria nazionale d’arte moderna, la moglie Inge e i figli Giulia e Mileto, in occasione del centenario della nascita hanno ufficializzato la Fondazione Giacomo Manzù, creata per tutelare la figura intellettuale ed artistica di Giacomo Manzù e per curare l’apertura dell’Atelier in cui il Maestro lavorava, ad Ardea .

Dopo mesi di un lungo e meticoloso restauro è stato presentato alla Stampa lo Studio privato del Maestro, un luogo sacro della sua arte e della sua anima, nel quale prima d’ora, nessuno poteva accedere ad eccezione dei suoi più stretti collaboratori e delle più alte cariche di Stato, oltre che della cultura internazionale.
I lavori di restauro hanno interessato l’edificio dell’Atelier che occupa un’area di oltre 600 mq compreso uno spazio espositivo-museale e il giardino circostante, il “Parco delle Sculture”, che si estende per oltre 10.000 mq.

La Fondazione Giacomo Manzù verrà aperta al pubblico nella primavera del 2009. La moglie ed i figli hanno voluto che tutto rimanesse come allora, un unico grande ambiente luminoso con soffitti molto alti ed ampi lucernai come unica fonte di luce naturale per ricevere la luminosità necessaria per evidenziare ogni minimo dettaglio del lavoro svolto, e in cui gli sgabelli, le tele, gli scalpelli e tutti gli attrezzi del Maestro sono ancora sui tavoli da lavoro, come se il tempo si fosse fermato.

Nell’Atelier-Studio ogni singolo strumento di lavoro, gelosamente custodito, rimanda ad una storia differente che ci svela le diverse abilità dell’artista: squadre, spatole, lime, seghe, martelli, ebano ed argilla sottolineano il lavoro che Manzù affrontava quotidianamente con rigore assoluto. In questo luogo hanno visto la luce molte delle sue opere più importanti: dai celeberrimi Cardinali, ai Passi di danza, alle Sedie, alla Carrozza con Giulia e Mileto, ai Busti di Inge, ai maliziosi Ritratti femminili, ai vari monumenti come le Grandi Pieghe, la Porta della Guerra e della Pace a Rotterdam, per finire con l’Inno alla Vita per il Palazzo dell’Onu a New York.
“Sono felice di sapere che tutti quelli che amano ed ammirano l’opera di Giacomo” dichiara Inge Manzù “potranno percepire, vivere e respirare l’atmosfera del luogo in cui il grande scultore del ‘900 ha ideato, sofferto, lavorato per creare le sue opere”. La speranza di Inge, Giulia e Mileto Manzù è che la Fondazione riesca nell’intento di salvaguardare e tutelare l’immagine e l’opera omnia del Maestro, proseguendo altresì nella valorizzazione e divulgazione di questi luoghi che sono stati parte fondamentale dell’arte stessa.


Per le celebrazioni del centenario della nascita di Manzù, la Galleria nazionale d’arte moderna, e la collegata Raccolta Manzù di Ardea, hanno organizzato, presso la stessa Raccolta Manzù, la mostra Giacomo Manzù. Grafica autobiografica (aprile-dicembre 2008; catalogo Electa); entrambi i musei hanno poi collaborato insieme con la Galleria d’Arte Moderna e Contemporanea di Bergamo alla mostra Giacomo Manzù 1938-1965. Gli anni della ricerca presso la stessa GAMEC di Bergamo (ottobre 2008-febbraio 2009; catalogo Electa), presentando in tale occasione il progetto di digitalizzazione e schedatura dei fondi relativi allo scultore per gli anni 1930-1965 conservati presso l’Archivio Bioiconografico della Galleria nazionale e quello della Raccolta Manzù; il 28 settembre presso la Raccolta Manzù si è tenuto, in collaborazione con la Direzione Generale per lo Spettacolo dal Vivo e la Fondazione Isabella Scelsi di Roma, nell’ambito delle Giornate Europee per il Patrimonio, il concerto Omaggio a Manzù, introdotto dal brano di Luigi Nono Musiche per Manzù (1969). 

Tutte le attività celebrative del Centenario hanno ottenuto i patrocinii del Ministero per i Beni e le Attività Culturali, della Regione Lazio, della Provincia di Roma, della Biblioteca Apostolica Vaticana e dei Comuni di Ardea, Aprilia e Pomezia.

 

Flash News




Anche il 6 maggio, come tutte le prime domeniche del mese, l’ingresso a tutti i musei civici e alle mostre in programma in questi spazi è gratuito per i residenti a Roma e nella Città Metropolitana con una ricca offerta culturale promossa da Roma Capitale, Assessorato alla Crescita culturale - Sovrintendenza Capitolina ai Beni Culturali con l’organizzazione di Zètema Progetto Cultura.

Inoltre, come prima domenica del mese, il percorso di visita nell’area dei Fori Imperiali sarà aperto al pubblico gratuitamente dalle ore 8.30 alle 19.15, con l’ultimo ingresso alle 18.15. L’apertura straordinaria prevede l’ingresso alla Colonna di Traiano e, dopo il percorso con passerella attraverso i Fori di Traiano e di Cesare, la prosecuzione attraverso il breve camminamento nel Foro di Nerva, che permette di accedere al Foro Romano, mediante la passerella realizzata presso la Curia dalla Soprintendenza di Stato.

E' l’occasione per scoprire le collezioni permanenti dei Musei e le mostre temporanee in corso.

Rimane a pagamento la mostra in corso nello Spazio espositivo del Museo dell’Ara Pacis Magnum Manifesto. Guardare il mondo e raccontarlo in fotografia che celebra i 70 anni della Magnum Photos con le celebri immagini e gli storici reportage della più grande agenzia fotogiornalistica al mondo, e la mostra Canaletto 1697-1768 al Museo di Roma a Palazzo Braschi, che celebra il 250° anniversario della morte del grande pittore veneziano presentando il più grande nucleo di opere di sua mano mai esposto in Italia, 68 tra dipinti, disegni e documenti, inclusi alcuni celebri capolavori.

Leggi tutto...

Cerca nel Sito

Archivio Agenziadistampa 2001-2012

Per Visitare il vecchio archivio Articoli di Agenziadistampa.eu andate alla pagina www.agenziadistampa.eu/index-archivio.html

Scienzeonline.com
Autorizzazione del Tribunale di Roma n 227/2006 del 29/05/2006 Agenzia di Stampa a periodicità quotidiana - Pubblicato a Roma - V. A. De Viti de Marco, 50 - Direttore Responsabile: Guido Donati.

Agenziadistampa.eu - tvnew.eu
Direttore Responsabile Guido Donati
Autorizzazione del Tribunale di Roma n 524/2001 del 4/12/2001 Agenzia di Stampa quotidiana - Pubblicata a Roma - V. A. De Viti de Marco, 50

Free business joomla templates