Questo sito utilizza cookie per implementare la tua navigazione e inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per saperne di più clicca leggi

Sei qui: HomeAutori Scienzeonline.comBotanicaIl ‘pomodoro riciclato Cnr’ sbarca in Canada

Il ‘pomodoro riciclato Cnr’ sbarca in Canada

Valutazione attuale:  / 1
ScarsoOttimo 
Viene presentato oggi a Toronto, in occasione della Conferenza mondiale sul pomodoro,  uno dei prodotti più utilizzati dalle industrie agroalimentari. E’ una ricerca dell’Icb-Cnr  che promette di ottenere   materiale plastico biodegradabile dai residui della lavorazione 
Tra il 7 e l’11 giugno si terrà a Toronto (Canada) la Conferenza Mondiale sul pomodoro, appuntamento che vedrà ricercatori e produttori di tutto il mondo confrontarsi sugli aspetti tecnologici e industriali del settore.
Nell’ambito di questa iniziativa il Consiglio nazionale delle ricerche sarà presente con una innovativa ricerca, relativa alla possibilità del riciclo degli scarti industriali derivanti dalla lavorazione del pomodoro, in corso all’Istituto di Chimica biomolecolare (Icb) del Cnr in collaborazione con l’Istituto di chimica e tecnologie dei  polimeri (Ictp), entrambi con sede a Pozzuoli.
“Il pomodoro infatti è uno dei prodotti di maggiore interesse per l’industria alimentare mondiale”, rileva Emanuele Fiore, addetto scientifico dell’ambasciata italiana in Canada e ricercatore Cnr. In Italia le industrie agroalimentari, in particolare quelle della trasformazione industriale, interessano quasi il 70 per cento della produzione, pari già a 6 milioni trecentomila tonnellate di pomodori trasformati, con ricaduta in termini di costi e di inquinamento dell’ambiente, per lo smaltimento degli scarti prodotti. La ricerca del Cnr consente di manipolare questi residui, convertendoli in potenziali risorse di sostanze ad alto valore aggiunto”.
Prima dell’apertura della Conferenza, il dottor Fiore presenterà all’Ambasciatore italiano ad Ottawa in Canada, S.E. Gabriele Sardo, la dirigente del progetto scientifico Barbara Nicolaus e una delle ricercatrici protagoniste Giuseppina Tommonaro, che illustreranno i contenuti della ricerca svolta..
 “In sintesi - spiega Barbara Nicolaus dell’Icb-Cnr- lo studio (peraltro presentato in riviste scientifiche internazionali) sta mettendo a punto metodi rapidi di estrazione di polisaccaridi a basso impatto ambientale, di facile applicazione e in grado di fornire alte rese di prodotto a ridotto tempo di trattamento. Inoltre, così trattati, gli scarti hanno potenzialità biotecnologiche per la realizzazione di biomateriali da utilizzare in differenti settori in agricoltura. Per quanto riguarda l’alimentazione, dagli scarti sono stati recuperati, attraverso l’impiego di solventi organici non tossici, sostanze ad attività antiossidante presenti nelle bucce del pomodoro e da utilizzare come potenziali integratori alimentari”.
Il progetto, che sarà poi presentato alla Conferenza Mondiale sul pomodoro, può quindi contribuire a convertire gli scarti del pomodoro in una potenziale risorsa, soprattutto per quei paesi che, come l’Italia, sono poveri in materie prime tradizionali e ricchi di risorse naturali. “Infatti”, prosegue la Nicolaus, “uno stabilimento di medie dimensioni, in Italia trasforma, in una stagione 110 mila quintali di pomodoro fresco producendo almeno 2500 quintali di scarti rappresentati da bucce e semi, con notevolissimo costo economico”.
“La ricerca coordinata dall’Icb- Cnr”, evidenzia infine Fiore, “ha destato notevole interesse anche in America e Canada. Da qui, l’invito dell’Ambasciata Italiana che ha intensificato, sul fronte scientifico e di relazioni internazionali, progetti di studio e di confronto di grande valenza”.

www.cnr.it

Flash News

11 giugno - 14 settembre
Campus estivi 2018


Al via la stagione dei Campus Scientifici del Museo Civico di Zoologia, tra sorprendenti creature terrestri e marine, magiche reazioni chimiche, avvincenti esplorazioni naturalistiche e tanto divertimento per immergersi nel mondo della scienza.
Da lunedì 11 giugno a venerdì 14 settembre (con sospensione dal 13 al 17 agosto) gli avventurosi scienziati (dai 5 ai 12 anni) potranno sfidarsi e sfrecciare tra le sale e l’ampio giardino esterno del Museo, a suon di esperimenti, prove e gare scientifiche, per contendersi gli ambiti gran premi.

Le esperienze scientifiche e le attività creative previste in una settimana, compreso l’appuntamento con l’E-Science (attività ludiche e giochi scientifici in inglese), si riferiranno ad uno specifico tema scientifico, rivisitato e proposto in chiave ludica: settimana “Terre Emerse”, settimana “Fenomeni Naturali”, settimana “Creature Preistoriche”.
Durante ogni settimana il Museo di Zoologia sarà inoltre il punto di partenza per 2 giornate di escursione (martedì e giovedì) in parchi naturali e ville cittadine, musei e altri “luoghi della scienza e della cultura” per scoprire e partecipare alla vita culturale della nostra città.

Leggi tutto...

Cerca nel Sito

Archivio Agenziadistampa 2001-2012

Per Visitare il vecchio archivio Articoli di Agenziadistampa.eu andate alla pagina www.agenziadistampa.eu/index-archivio.html

Scienzeonline.com
Autorizzazione del Tribunale di Roma n 227/2006 del 29/05/2006 Agenzia di Stampa a periodicità quotidiana - Pubblicato a Roma - V. A. De Viti de Marco, 50 - Direttore Responsabile: Guido Donati.

Agenziadistampa.eu - tvnew.eu
Direttore Responsabile Guido Donati
Autorizzazione del Tribunale di Roma n 524/2001 del 4/12/2001 Agenzia di Stampa quotidiana - Pubblicata a Roma - V. A. De Viti de Marco, 50

Free business joomla templates