Questo sito utilizza cookie per implementare la tua navigazione e inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per saperne di più clicca leggi

Sei qui: HomeAutori Scienzeonline.comBotanicaCambiamenti climatici: piante esotiche sempre più invasive

Cambiamenti climatici: piante esotiche sempre più invasive

Valutazione attuale:  / 0
ScarsoOttimo 
Un'altra minaccia alla biodiversità della nostra flora proviene dalle piante esotiche, che, secondo un recente studio olandese, sembrerebbero difendersi meglio delle specie autoctone dagli attacchi dei nemici naturali: predatori erbivori e microbi del terreno. Lo rivela un articolo apparso su Nature.

I cambiamenti del clima modificano l'habitat naturale di molte specie, sia animali che vegetali. Così, molte piante abituate al clima caldo-umido delle regioni tropicali hanno iniziato la loro migrazione verso il nord del pianeta, in passato un luogo poco "accogliente" ma oggi sempre più "mite". Il risultato di questa migrazione è che alcune piante, quando si spostano verso regioni che prima erano troppo fredde per loro, diventano invasive e mettono a repentaglio la sopravvivenza della flora locale.

Il motivo, spiega Koen J.F. Verhoeven, biologo evoluzionista all'Istituto di Ecologia olandese, dipende dal fatto che la diffusione di certe specie - vegetali o animali - è regolata dalla presenza di predatori che le mantengono entro limiti ottimali. Quando una pianta viene sradicata dal suo ambiente originario, non ha più bisogno di difendersi dai suoi predatori naturali e quindi rischia di diventare una specie invasiva.

Lo studio, frutto della collaborazione tra l'Istituto di ecologia olandese e l'università della Florida, ha messo a confronto piante esotiche che si sono recentemente stabilite nella riserva naturale di Millingerwaard, in Olanda, con specie autoctone della zona. L'obiettivo dei ricercatori era di scoprire in che modo i due tipi di piante reagivano agli attacchi di nemici naturali: predatori erbivori e microorganismi.

I risultati della ricerca rivelano che le piante autoctone sono più vulnerabili di quelle esotiche ai microbi e agli organismi patogeni del terreno. Inoltre, predatori erbivori come locuste e afidi sembrano gradire molto di più le piante locali di quelle esotiche.


Link consigliati:

University of Florida (2008, November 30). Climate Change Opens New Avenue For Spread Of Invasive Plants.
http://news.ufl.edu/2008/11/19/roving-plants/
 

Aggiungi commento

Codice di sicurezza
Aggiorna

Flash News

Il Mondo vegetale apre la strada a nuovi vaccini terapeutici contro il cancro dell’utero

Un gruppo di scienziati del Regina Elena di Roma in collaborazione con l’ENEA svelano, attraverso uno studio pubblicato su “Human Gene Therapy”,  l’efficacia antitumorale di un vaccino terapeutico basato sulla fusione di un gene di HPV con il gene di un virus della patata.
Leggi tutto...

Cerca nel Sito

Archivio Agenziadistampa 2001-2012

Per Visitare il vecchio archivio Articoli di Agenziadistampa.eu andate alla pagina www.agenziadistampa.eu/index-archivio.html

Scienzeonline.com
Autorizzazione del Tribunale di Roma n 227/2006 del 29/05/2006 Agenzia di Stampa a periodicità quotidiana - Pubblicato a Roma - V. A. De Viti de Marco, 50 - Direttore Responsabile: Guido Donati.

Agenziadistampa.eu - tvnew.eu
Direttore Responsabile Guido Donati
Autorizzazione del Tribunale di Roma n 524/2001 del 4/12/2001 Agenzia di Stampa quotidiana - Pubblicata a Roma - V. A. De Viti de Marco, 50

Free business joomla templates