Questo sito utilizza cookie per implementare la tua navigazione e inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per saperne di più clicca leggi

Sei qui: HomeAutori Scienzeonline.comComunicati StampaEmergenza Ossezia: interventi umanitari per i profughi

Emergenza Ossezia: interventi umanitari per i profughi

Valutazione attuale:  / 0
ScarsoOttimo 

Al via il ponte aereo di aiuti umanitari UNHCR per i civili in fuga dall'Ossezia del Sud

L'Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i Rifugiati (UNHCR) ha dato il via ad un ponte aereo d'emergenza per rafforzare le proprie scorte di aiuti umanitari nella regione del Caucaso, dove è forte la preoccupazione per la sorte dei civili coinvolti nel conflitto nell'Ossezia del Sud.

L'Alto Commissario António Guterres ha sbloccato 2 milioni di dollari dal fondo per le emergenze dell'UNHCR in modo da coprire possibili nuove richieste di assistenza umanitaria immediata nella regione, che assiste peraltro ad ulteriori movimenti di popolazione sia in Georgia che nella Federazione Russa. Sono stati inoltre mobilitati altri operatori umanitari, oltre a quelli già presenti in loco.

Guterres ha ribadito inoltre il proprio appello, già lanciato il 10 agosto, affinché siano garantiti l'accesso umanitario alle popolazioni coinvolte ed un corridoio di fuga sicuro per i civili.

"Come agenzia delle Nazioni Unite per i rifugiati", ha detto Guterres, "la nostra maggiore fonte di preoccupazione riguarda la sicurezza dei civili, sia sfollati che non, e l'accesso umanitario, che ci permette di aiutare coloro che sono in difficoltà e, in particolare, coloro che sono stati costretti ad abbandonare le proprie case. Abbiamo mobilitato le nostre risorse finanziarie ed umanitarie. Stanno cominciando i ponti aereo che trasporteranno aiuti d'emergenza per le popolazioni coinvolte. Dobbiamo, però, riuscire a raggiungere queste persone".

Il primo volo umanitario dell'UNHCR, che trasporta 20mila coperte ed altri materiali umanitari, dovrebbe decollare alla volta della Georgia dal deposito di emergenza centrale dell'UNHCR a Dubai nel corso della notte di lunedì. Un secondo volo è programmato per mercoledì e partirà da Copenaghen, dove è situato un altro dei centri di smistamento logistico dell'agenzia. In tutto, i due voli trasporteranno aiuti umanitari non alimentari per circa 30mila persone.

Guterres ha offerto assistenza umanitaria sia alla Russia che alla Georgia. L'agenzia è presente in entrambi i paesi, incluse la regione autonomista georgiana dell'Ossezia del Sud e quella dell'Ossezia del Nord, nella Federazione Russa. In Georgia l'UNHCR dispone di sei uffici e può contare su più di 50 operatori che si occupavano già prima del conflitto attuale di circa 275mila tra sfollati, rifugiati, apolidi e rimpatriati.

Le cifre esatte per quanto riguarda coloro che sono stati costretti a fuggire a causa del conflitto in corso sono compilate dalle autorità di governo in entrambi i paesi. Gli ultimi dati forniti dai funzionari russi in Ossezia del Nord indicano in circa 30mila i rifugiati nella regione fuoriusciti dall'Ossezia del Sud. Secondo le autorità georgiane, qualche migliaio di persone sarebbe fuggito verso sud dall'Ossezia del Nord, rifugiandosi in Georgia. Bisognerà tuttavia attendere le operazioni di registrazione per poter sapere quante sono effettivamente le persone in fuga dagli scontri.

Sono fonte di altrettanta preoccupazione i movimenti di popolazione segnalati dalle fonti all'interno della Georgia stessa, tra cui quelli provenienti dalla cittadina di Gori, che si trova appena più a sud rispetto all'Ossezia del Sud. Secondo i funzionari locali con i quali hanno parlato gli operatori dell'UNHCR giunti sul luogo domenica scorsa in missione di valutazione, fino all'80 percento della popolazione potrebbe essere fuggita nel timore di nuovi attacchi. Se queste affermazioni dovessero corrispondere a verità, questo vorrebbe dire che fino a 56mila persone hanno lasciato la zona. I funzionari georgiani in loco sostengono che la maggior parte di queste persone si è diretta verso la capitale, Tbilisi, e che sarebbe tornata a casa una volta superata la fase acuta nei combattimenti.

Nel corso del fine settimana, l'UNHCR e le organizzazioni partner hanno fornito aiuti umanitari a circa 300 georgiani dell'Ossezia del Sud particolarmente vulnerabili e che erano stati trasferiti da Gori a Tbilisi. L'agenzia ha anche consegnato tende ed altri materiali ai partner presenti a Gori in modo che, qualora fosse necessario, possano essere utilizzati per gli sfollati.

L'ufficio dell'UNHCR in Italia ha lanciato oggi una campagna di raccolta fondi a sostegno delle popolazioni coinvolte nel conflitto in corso nel Caucaso.

E' possibile donare visitando il sito www.unhcr.it, chiamando il numero verde 800 298 000 oppure compilando un bollettino postale (intestato a: UNHCR, n. ccp 298000, causale: 'Emergenza Georgia - Ossezia').

Flash News

WWF: 10 ‘GRANDI SPECIE’ A RISCHIO

I cambiamenti climatici sono una  minaccia globale: l’orso polare, i pinguini, l’elefante africano, le tartarughe marine, le tigri delle paludi del Sunderbans,  le balene e i delfini, gli oranghi, gli albatross, i canguri e le barriere coralline come simbolo della biodiversità a rischio

Leggi tutto...

Cerca nel Sito

Archivio Agenziadistampa 2001-2012

Per Visitare il vecchio archivio Articoli di Agenziadistampa.eu andate alla pagina www.agenziadistampa.eu/index-archivio.html

Scienzeonline.com
Autorizzazione del Tribunale di Roma n 227/2006 del 29/05/2006 Agenzia di Stampa a periodicità quotidiana - Pubblicato a Roma - V. A. De Viti de Marco, 50 - Direttore Responsabile: Guido Donati.

Agenziadistampa.eu - tvnew.eu
Direttore Responsabile Guido Donati
Autorizzazione del Tribunale di Roma n 524/2001 del 4/12/2001 Agenzia di Stampa quotidiana - Pubblicata a Roma - V. A. De Viti de Marco, 50

Free business joomla templates