Questo sito utilizza cookie per implementare la tua navigazione e inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per saperne di più clicca leggi

Sei qui: HomeAutori Scienzeonline.comComunicati StampaIncendi in Grecia - Oltre 12.000 ettari di aree naturali andate in fumo

Incendi in Grecia - Oltre 12.000 ettari di aree naturali andate in fumo

Valutazione attuale:  / 1
ScarsoOttimo 
Secondo i primi dati elaborati anche grazie al contributo dell’EFFIS (European Forest Fire Information System) nell’area intorno ad Atene e sul monte Pentesi, in assoluto le zone più colpite dagli incendi dei giorni scorsi, sono andati perduti 21.000 ettari, costituiti in gran parte da foreste (soprattutto pinete), macchia e terreni agricoli.

Circa il 60% di questo territorio era costituito da area naturale di cui:   

- il 40% circa, già in passato ripetutamente colpito da incendi, non ha più potenziale di ricostituzione naturale. In queste aree, infatti, gli incendi hanno colpito quasi tutti i siti artificialmente riforestati;

-  il 30% circa, costituito da fitta pineta adulta, ha potenziale di rigenerarsi nei prossimi anni;

-  il 30% circa, costituito da macchia, anche questo con buona capacità di recupero. 

In altre regioni della Grecia, un primo bilancio delle aree percorse da fuoco fa registrare che nell’isola di Zacinto sono andati in fumo  circa 1400 ettari, a Evia 5.500, sul monte Kithairon 3073 e nell’isola di Skyros 127.

“E’ fondamentale a questo punto salvare le aree colpite dagli incendi dalle inevitabili pressioni per un loro cambiamento d’uso – fa sapere il WWF Grecia – Senza dimenticare che dovranno essere prese tutte le misure necessarie per incoraggiare le capacità rigenerative di queste aree e prevenire i problemi di erosione” 

Monte Pentesi, letteralmente devastato nei giorni passati, custodisce tra le 700-750 specie e sottospecie vegetali, 18 delle quali endemiche, 80 specie di uccelli oltre che mammiferi, rettili, anfibi tipici di questi ambienti.  

Roma, 26 agosto 2009

Ufficio stampa WWF Italia

Flash News

Il WWF risponde alla polemica (tutta italiana) spiegando la differenza tra meteo e clima

Come una rondine non fa primavera, una nevicata non fa equilibrio climatico globale. E’ chiara la risposta del WWF alla polemica avviata dagli “opinionisti” negazionisti e ampiamente supportata (solo in Italia) dalla stampa nazionale, secondo i quali il gelo e le nevicate di questi giorni, insieme a un annunciato recupero della superficie ghiacciata dei mari artici, negherebbero la grave crisi climatica in atto, crisi che la comunità scientifica ormai afferma con voce unanime, attribuendone in larga parte la responsabilità all’aumento dei gas serra in atmosfera provocato dalle attività umane.

Leggi tutto...

Cerca nel Sito

Archivio Agenziadistampa 2001-2012

Per Visitare il vecchio archivio Articoli di Agenziadistampa.eu andate alla pagina www.agenziadistampa.eu/index-archivio.html

Scienzeonline.com
Autorizzazione del Tribunale di Roma n 227/2006 del 29/05/2006 Agenzia di Stampa a periodicità quotidiana - Pubblicato a Roma - V. A. De Viti de Marco, 50 - Direttore Responsabile: Guido Donati.

Agenziadistampa.eu - tvnew.eu
Direttore Responsabile Guido Donati
Autorizzazione del Tribunale di Roma n 524/2001 del 4/12/2001 Agenzia di Stampa quotidiana - Pubblicata a Roma - V. A. De Viti de Marco, 50

Free business joomla templates