Questo sito utilizza cookie per implementare la tua navigazione e inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per saperne di più clicca leggi

FESTA OASI WWF

Valutazione attuale:  / 0
ScarsoOttimo 
WWF: “ITALIANI POPOLO DEI BOSCHI… E NON SOLO!”

A migliaia sono accorsi oggi nelle Oasi WWF di tutta Italia, e specialmente in quelle vicine alle grandi città, per la tradizionale festa della natura protetta dall’Associazione, che ha celebrato così la Giornata mondiale della biodiversità e che quest’anno, in occasione dell’Anno internazionale delle foreste, ha puntato i riflettori sui boschi italiani: quelli già salvati, che oggi grandi e piccoli hanno potuto esplorare insieme agli esperti del WWF, ma anche quelli da salvare, sopravvissuti all’avanzata del cemento o minacciati da incendi e cacciatori.

Quest’anno infatti il WWF ha avviato una grande campagna di raccolta fondi per salvare tre boschi particolarmente preziosi e minacciati, a Valpredina sulle Prealpi bergamasche, alla Foce dell’Arrone lungo il litorale laziale e a Marzagaglia, in Puglia. Con la cifra raccolta finora almeno uno dei tre può considerarsi salvo e diventerà presto una nuova Oasi, protetta da ogni minaccia e aperta alla fruizione del pubblico, perché tutti possano conoscerla e frequentarla. Ma c’è tempo fino al 29 maggio per dare il proprio contributo: si dona via sms o chiamata da rete fissa al 45507**, oppure tramite gli sportelli automatici (ATM) Unicredit in tutta Italia. “Ancora una volta la Festa delle Oasi ha celebrato il ricchissimo patrimonio di biodiversità del nostro Paese, ma anche la voglia di natura che pervade tutti gli italiani – ha detto Stefano Leoni, presidente del WWF Italia – Adulti e bambini, scienziati e volontari, persone e animali anche rari, si sono incontrati nelle Oasi, il luogo migliore  per toccare con mano la meraviglia della natura, e per capire perché tutelarla è così importante. La grande risposta alla campagna per salvare i nostri boschi dimostra che gli italiani hanno capito la loro importanza, anche per il loro stesso benessere e le future generazioni. Grazie alla generosità di tutti un bosco è già salvo, ma c’è tempo fino al 29 maggio per fare di più. Per ognuno di noi è solo un piccolo gesto, ma unito a quello di migliaia di altre persone può mettere al sicuro questi tre preziosi scrigni di natura, che potranno aggiungersi alle 100 Oasi WWF esistenti in tutta Italia: un patrimonio comune salvato grazie alla generosità dei sostenitori e alla passione di chi se ne prende cura.” La festa di quest’anno ha avuto come evento centrale l’Oasi Bosco di San Silvestro, a due passi dalla Reggia di Caserta, seguita in diretta dalle telecamere di Ambiente Italia (TG3) e in streaming anche su www.wwf.it . Ma erano 100 le Oasi aperte in tutta Italia, per scoprire gli ambienti più belli d’Italia tra cascate, fiumi, prati, boschi, stagni, montagne e dune costiere. Moltissimi gli avvistamenti di animali anche rari che si sono lasciati ammirare dai visitatori: come la moretta tabaccata con due pulcini osservata all’Oasi Cratere degli Astroni nel cuore di Napoli, i pecchiaioli in migrazione e i giovani di falchi pellegrini a Bosco Rocconi (Grosseto), i nibbi reali e gracchi nelle Oasi abruzzesi di Gole del Sagittario e Cascate del Rio Verde, lo svasso maggiore al Lago dell’Angitola in Calabria, i 20 falchi grillai a Monte Sant’Elia (Taranto), gli splendidi fenicotteri delle Saline di Trapani, Orbetello (Grosseto) e Orti Bottagone (Livorno), diverse specie di aironi agli Stagni di Focognano (Firenze), e poi cavalieri d’Italia, avocette, sparvieri e volpoche al Lago di Burano e tanti altri ancora. Molte le liberazioni di animali sequestrati o curati nei centri di recupero, come la ghiandaia a Bosco San Silvestro (Caserta), la tartaruga marina a Torre Guaceto (Brindisi), la testuggine palustre trovata nel recente incendio delle Cesine (Lecce), le poiane a Torre Salsa (Agrigento), e proprio oggi una tartaruga marina di 40kg trovata ferita è stata portata al centro di recupero del Parco didattico dei Ronchi (Massa Carrara).E moltissime le attività organizzate per far conoscere da vicino la natura: laboratori, attività pratiche, esplorazioni a tema, ma anche prime cavalcate su docili cavalli, giochi, lettura di fiabe, maratone, concorsi fotografici, lavorazione della ceramica, utilizzo dei colori vegetali per dipingere, incontro con le api e il miele, degustazioni di prodotti tipici locali e, all’Oasi degli Astroni, il “tree listening” per ascoltare i suoni dell’albero.  In 20 oasi gli insegnanti hanno seguito i corsi di formazione riconosciuti dal MIUR. E sono stati annunciati oggi anche i giovani vincitori del concorso “Uniti per l’ambiente”, promosso dal WWF in collaborazione con Moviemax e Mondo Home Entertainment, che con la loro sceneggiatura sugli animali a rischio estinzione, aiuteranno a salvare i nostri boschi più preziosi e la loro biodiversità. Provengono dalla Scuola primaria S. Marone di Civitanova Marche (Circolo Didattico “Via Tacito”).   

Aggiungi commento

Codice di sicurezza
Aggiorna

Flash News

Difesa e ASI insieme per il nuovo COSMO-SkyMed. Firmato ieri l'accordo per la seconda generazione

Entra in vigore l'Accordo Esecutivo tra l’Agenzia Spaziale Italiana e il Ministero della Difesa per la collaborazione nell’ambito del Programma COSMO-SkyMed Seconda Generazione (CSG)/Multinational Space-based Imaging Systema (MUSIS). Giovedì 12 febbraio, infatti, il generale Vincenzo Camporini, Capo di Stato Maggiore della Difesa, e l’ingegner Enrico Saggese, Commissario Straordinario dell’ASI, hanno siglato un'intesa che prolungherà i suoi effetti lungo i prossimi sei anni.
L’Accordo prevede lo sviluppo e la realizzazione di satelliti duali radar SAR (Synthetic Aperture Radar), per l’osservazione della Terra, successori degli attuali satelliti COSMO-SkyMed, gioiello della tecnologia spaziale italiana ed europea, capaci di soddisfare gli ambiziosi requisiti della futura federazione tra le difese europee di Italia, Belgio, Grecia, Germania, Francia e Spagna. MUSIS, costituisce un risultato importante coerente con il ruolo dell’Italia di major partner in Europa nelle imprese spaziali. Il Programma prevede la realizzazione di due satelliti COSMO-SkyMed Seconda Generazione che saranno messi in orbita nel biennio 2014-2015.

ASI
http://www.asi.it/

Cerca nel Sito

Archivio Agenziadistampa 2001-2012

Per Visitare il vecchio archivio Articoli di Agenziadistampa.eu andate alla pagina www.agenziadistampa.eu/index-archivio.html

Scienzeonline.com
Autorizzazione del Tribunale di Roma n 227/2006 del 29/05/2006 Agenzia di Stampa a periodicità quotidiana - Pubblicato a Roma - V. A. De Viti de Marco, 50 - Direttore Responsabile: Guido Donati.

Agenziadistampa.eu - tvnew.eu
Direttore Responsabile Guido Donati
Autorizzazione del Tribunale di Roma n 524/2001 del 4/12/2001 Agenzia di Stampa quotidiana - Pubblicata a Roma - V. A. De Viti de Marco, 50

Free business joomla templates