Questo sito utilizza cookie per implementare la tua navigazione e inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per saperne di più clicca leggi

Sei qui: HomeAutori Scienzeonline.comPaleontologiaImpronte digitali per i detectives del passato

Impronte digitali per i detectives del passato

Valutazione attuale:  / 0
ScarsoOttimo 

Museo Tridentino di Scienze  Naturali di Trento e Fondazione Bruno Kessler collaborano nello studio delle orme ritrovate a Zone (Bs)

Orme fossili
Orme fossili di Zone
MARCO AVANZINI, FABIO MASSIMO PETTI, MASSIMO BERNARDI e PAOLO FERRETTI, ricercatori della sezione geologia del Museo Tridentino di Scienze Naturali di Trento, fanno parte del gruppo di studio che, assieme a Crisitiano Dal Sasso del Museo di Storia Naturale di Milano, Paolo Schirolli del Museo di Storia Naturale di Brescia e Umberto Nicosia, dell'Università La Sapienza di Roma, ha analizzato ed approfondito la scoperta di alcune orme fossili nel comune di Zone (Brescia).

Nel territorio sono state infatti individuate, su una parete di roccia formatasi nel Triassico superiore circa 220 milioni di anni fa, le orme di grandi rettili arcosauri, specie antenate di coccodrilli e dinosauri.

Il ritrovamento consiste in 70 orme, lasciate da animali differenti, quasi tutte allineate a formare almeno 5 piste (sequenze di passi). Le caratteristiche della parete di roccia su cui sono state ritrovate fa prevedere che molte altre orme giacciano ancora nascoste dalla vegetazione e dalle stratificazioni rocciose soprastanti e sottostanti.
La scoperta è particolarmente importante, in quanto si tratta delle orme di rettili più grandi e meglio conservate mai trovate in Italia per il periodo risalente all'inizio dell'era dei dinosauri. La forma particolare di alcune di queste impronte suggerisce che gli animali da cui provengono possano essere di specie non ancora conosciute alla scienza e permettono di mettere in relazione rocce e fossili ritrovati in varie parti del mondo, offrendo un valido aiuto alla comprensione dei primi passi dell'evoluzione dei rettili che poi diventarono dinosauri.
 
LA SCOPERTA
Tra il 2002 e il 2003 le tracce sono state segnalate da un abitante del luogo a Stefano Zatti, che nel 2004 le cita nel Dizionario zonese-italiano, attribuendole a "un cucciolo di dinosauro". Il 1° gennaio 2008 Federico Vezzoli, un appassionato di geologia e storia locale, durante una escursione, riconosce con certezza le tracce come orme fossili, scatta alcune fotografie e le mette online sul portale Paleofox, avvisando contestualmente gli organi competenti.
Dalla vetrina di Internet all'occhio dei paleontologi il passo è breve. Dopo un sopralluogo sul posto Cristiano Dal Sasso, del Museo di Storia Naturale di Milano, raduna un gruppo di studio per procedere con ulteriori indagini.
 

Ticinosuchus Desmatosuchus
Ticinosuchus Desmatosuchus
GLI ANIMALI
I rettili di Zone erano arcosauri crurotarsi. La famiglia degli ARCOSAURI dominavano nel corso del Triassico superiore le terre emerse. Tra di essi si distinguono due linee evolutive: quella dei CRUROTARSI e quella degli ORNITODIRI. I primi hanno dato origine ai rauisuchi e ai coccodrilli, i secondi ai dinosauri e ai rettili volanti (pterosauri).
Caratteristica dei crurotarsi è il piede, che ha una morfologia particolare e ben riconoscibile, con il quinto dito rivolto verso l'esterno. L'impronta di questo dito (il nostro mignolo) è l'indizio principale che ha portato i paleontologi a cercare gli autori delle orme tra i rappresentanti di questo gruppo. Più precisamente le orme di Zone, con le dita corte e robuste delle quali il quinto tozzo e diretto verso l'esterno, ricordano il genere Brachychirotherium (= mano bestiale dalle dita corte).
In base a confronti con orme fossili studiate in altri giacimenti europei e statunitensi siamo in grado di attribuire le impronte di Zone ad almeno due specie diverse. La prima è Brachychirotherium thuringiacum; la seconda è ancora in studio e potrebbe rappresentare una forma ancora sconosciuta.
Da un certo punto di vista, anche se non sono dinosauri, questi rettili hanno un antenato in comune con essi: sono accomunati dalla postura eretta degli arti, struttura anatomica di successo che permise loro di fronteggiare "alla pari" i dinosauri per quasi tutto il Triassico.
In un recente sopralluogo, ancora più accurato dei precedenti, è stata scoperta una ulteriore pista. Ancora più grande. Il crurotarso che l'ha originata possedeva un corpo piuttosto largo e probabilmente si muoveva più lentamente. Si trattava certamente di un animale più lungo di 5 metri, con ventre e coda ben sollevati da terra.
 
 
GRUPPO DI RICERCA SULLE ORME DI ZONE
Il Gruppo di ricerca sulle orme di Zone, coordinato da Cristiano Dal Sasso, del Museo di Storia Naturale di Milano è composto dai paleontologi e geologi Marco Avanzini, Fabio Massimo Petti, Massimo Bernardi e Paolo Ferretti del Museo Tridentino di Scienze Naturali di Trento, oltre a Umberto Nicosia dell' Università degli Studi di Roma "La Sapienza" e Paolo Schirolli del Museo di Storia Naturale di Brescia.
Il rilevamento laser (effettuato con uno strumento Leica ScanStation2) dell'intera superficie fossilifera, la fotogrammetria e l'elaborazione dati sono a cura di Stefano Girardi, Fabio Remondino e Lorenzo Gonzo della Fondazione Bruno Kessler, Trento.

Fonte: Museo Tridentino di Scienze Naturali

Aggiungi commento

Codice di sicurezza
Aggiorna

Flash News

Rinvenuti strumenti per la cattura illegale di fauna protetta

 

Nel corso di una vasta attività antibracconaggio in corso su tutto il territorio del Parco, ieri, 16 marzo 2017 la pattuglia della Stazione Carabinieri Forestale "Parco" di Rocca Santa Maria (TE), dipendente dal Coordinamento Territoriale Carabinieri per l'Ambiente Parco Nazionale Gran Sasso e Monti della Laga, in Loc. Casarine di Rocca Santa Maria (Te), sui Monti della Laga, all'interno del Parco Nazionale del Gran Sasso, ha rinvenuto e sequestrato, nei pressi di un'abitazione privata, vario materiale destinato alla cattura di fauna protetta e consistente in:

una Gabbia di cattura per piccoli animali selvatici di proprietà dell'Ente Parco Nazionale del Gran Sasso e Monti della Laga (utilizzata in passato per il censimento della martora e del gatto selvatico) e oggetto di furto nel mese di luglio 2015;
una Trappola a tagliola in metallo con congegni a scatto, lunga 80 cm e larga circa 60 cm, legata con catena ad un albero destinato ad attività illegali di bracconaggio.
Gli oggetti descritti sono stati rinvenuti in un terreno coltivato da parte di un cittadino di Rocca Santa Maria che risulta indagato per i reati di uso di trappole per la cattura di fauna selvatica, nonché ricettazione.

Leggi tutto...

Cerca nel Sito

Archivio Agenziadistampa 2001-2012

Per Visitare il vecchio archivio Articoli di Agenziadistampa.eu andate alla pagina www.agenziadistampa.eu/index-archivio.html

Scienzeonline.com
Autorizzazione del Tribunale di Roma n 227/2006 del 29/05/2006 Agenzia di Stampa a periodicità quotidiana - Pubblicato a Roma - V. A. De Viti de Marco, 50 - Direttore Responsabile: Guido Donati.

Agenziadistampa.eu - tvnew.eu
Direttore Responsabile Guido Donati
Autorizzazione del Tribunale di Roma n 524/2001 del 4/12/2001 Agenzia di Stampa quotidiana - Pubblicata a Roma - V. A. De Viti de Marco, 50

Free business joomla templates