Questo sito utilizza cookie per implementare la tua navigazione e inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per saperne di più clicca leggi

Sei qui: HomeAutori Scienzeonline.comEticaDeontologia della ricerca scientifica

Deontologia della ricerca scientifica

Valutazione attuale:  / 0
ScarsoOttimo 

La frode nella scienza: quanto sono diffuse le truffe e come sconfiggerle?

Integrità scientifica e frode sono al centro di una conferenza internazionale tenutasi il 17 e il 18 Novembre scorso a Madrid e organizzata dal Forum per l'Integrità della Ricerca della Fondazione Scientifica Europea (ESF), in collaborazione con il Consiglio Nazionale spagnolo per la Ricerca (CSIC).

Dalla conferenza emergono dati preoccupanti sull'integrità degli scienziati, sempre più spesso minacciata dal comportamento scorretto di una minoranza. Nella scienza la frode può assumere tre forme: l'invenzione dei dati, la loro falsificazione allo scopo di ottenere risultati non pertinenti, l'appropriazione indebita del lavoro di ricerca realizzato da altri, ossia il plagio.

Non sono disponibili dati certi sull'entità e la diffusione delle frodi, ma possiamo dire che gli scienziati che compiono atti fraudolenti si collocano fra lo 0.1% e l'1% del totale, mentre la percentuale sale fino al 50% quando si tratta di pratiche o comportamenti discutibili.

La fiducia della gente negli scienziati è ancora molto alta, secondo le stime più recenti, ma, come sottolinea John Marks, direttore di Scienze e strategie della ESF, "la fiducia può essere facilmente compromessa dall'elevata incidenza di condotte improprie".

Secondo un'indagine realizzata tempo fa dalla ESF, 18 Paesi europei hanno stabilito dei codici di condotta per la ricerca scientifica, ma le misure contro i casi sospetti variano in modo significativo da un Paese all'altro.

Finora nessun paese europeo ha seguito le orme della National Science Foudation americana, che, al pari di altre agenzie federali degli Stati Uniti, ha poteri legali per investigare sui casi sospetti di frode, fra cui la facoltà di citare in giudizio i responsabili. I colpevoli possono essere obbligati a seguire un corso di etica scientifica oppure, nei casi più gravi, sono esclusi fino a 5 anni dai finanziamenti federali per la ricerca.

In Europa il sistema si fonda essenzialmente sull'autogoverno della comunità scientifica, quindi tende ad essere più consensuale. Come spiega il professor Eerio Vuorio, capo del National Advisory Board on Research Ethics, in Finlandia tutte le università e gli istituti di ricerca hanno sottoscritto un codice deontologico nazionale che regola la condotta degli scienziati. Sono le singole istituzioni che hanno il compito si investigare sulle accuse di cattiva condotta con l'aiuto di consulenti esterni.

Uno degli aspetti più controversi del problema, secondo quanto emerge dal convegno di Madrid, riguarda i casi di frode commessi nelle ricerche internazionali, in cui sono coivolti Paesi con regolamenti diversi. In questo caso diventa molto più difficile stabilire sia il metodo di investigazione che il tipo di sanzioni.

Una soluzione a questo problema è stata recentemente proposta dal Forum per l'Integrità della Ricerca dell'OECD, che impegna gli scienziati e i ricercatori a sottoscrivere un codice di condotta condiviso nei casi di sospetta frode. La proposta, però - sottolinea Christine Boesz della National Science Foundation - ha suscitato scetticismo e resistenza fra i ricercatori.

A madrid si è discusso anche del ruolo fondamentale che hanno i mezzi di comunicazione nel promuovere l'integrità della ricerca scientifica e denunciare i comportamenti e le pratiche fraudolenti.

Link utili:

ESF
"Scientists resolve to crack down on fraud" (08/12/2008)
http://www.esf.org/ext-ceo-news-singleview/article/scientists-resolve-to-crack-down-on-fraud-544.html

Veronica Rocco  
 

Aggiungi commento

Codice di sicurezza
Aggiorna

Flash News

 

WWF: "Un'ora di buio per accendere il nostro futuro"


E’ iniziato ufficialmente il conto alla rovescia per il più grande evento globale dedicato alla sfida contro i cambiamenti climatici - Earth Hour / Ora della Terra del WWF – che quest’anno celebra i 10 anni dalla sua prima edizione del 2007 svoltasi a Sidney. L’invito è quello di spegnere simbolicamente per un’ora, dalle 20.30 di ciascun paese, le luci in casa, in ufficio, al ristorante magari cenando a lume di candela: l’effetto di questa grande mobilitazione globale che unirà di nuovo centinaia di milioni di persone, sarà una grande ola di buio che per 24 ore farà il giro della Terra. Nel 2016 ben 178 paesi parteciparono spegnendo le principali icone mondiali come l’Opera House di Sydney, il Cristo Redentore a Rio de Janeiro, la Torre Eiffel, il Ponte sul Bosforo.
Partecipare ad Earth Hour vuol dire anche informare e sensibilizzare sui cambiamenti climatici, sfruttando la forza dei social network. Dalla piattaforma sarà possibile donare il proprio profilo facebook e contribuire a diffondere i messaggi del WWF contro i cambiamenti climatici. Qui maggiori informazioni sull'iniziativa e su come partecipare.

Leggi tutto...

Cerca nel Sito

Archivio Agenziadistampa 2001-2012

Per Visitare il vecchio archivio Articoli di Agenziadistampa.eu andate alla pagina www.agenziadistampa.eu/index-archivio.html

Scienzeonline.com
Autorizzazione del Tribunale di Roma n 227/2006 del 29/05/2006 Agenzia di Stampa a periodicità quotidiana - Pubblicato a Roma - V. A. De Viti de Marco, 50 - Direttore Responsabile: Guido Donati.

Agenziadistampa.eu - tvnew.eu
Direttore Responsabile Guido Donati
Autorizzazione del Tribunale di Roma n 524/2001 del 4/12/2001 Agenzia di Stampa quotidiana - Pubblicata a Roma - V. A. De Viti de Marco, 50

Free business joomla templates