Questo sito utilizza cookie per implementare la tua navigazione e inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per saperne di più clicca leggi

Sei qui: HomeAutori Agenziadistampa.euCinemaVoyez comme ils dansent, il ballo tragico di un dolore insuperabile

Voyez comme ils dansent, il ballo tragico di un dolore insuperabile

Valutazione attuale:  / 1
ScarsoOttimo 

Vic Clement-James Thiérrée, celebre artista e funambolo, scompare misteriosamente lasciando le due donne che l’anno amato. La prima, Lise-Marina Hands, è una filmmaker, la seconda Alexandra-Maya Sansa - la brava attrice italiana “emigrata” in Francia in cerca di lavori degni delle sue qualità di performer – è un medico canadese. Un menage a tris, diviso tra due donne e un fantasma o un morto, è l’opera filmica di Claude Miller - regista con trent’anni di carriera e allievo di Truffaut – che conquista il Marc’Aurelio Gran Jury Award alla sesta edizione del Festival Internazionale del Film di Roma.

 

Il figlio di Victoria Chaplin, presta il volto e il corpo a quest'uomo la cui identità si è frantumata come in un prisma, in una serie di flashback che lo ritraggono sul palcoscenico e nei diversi frammenti della sua vita, accanto alle due donne che ha amato. È un disagio oscuro il suo, una depressione preannunciata. Vic è un performer teatrale dal talento enorme, con molti problemi di tenuta mentale. Crisi di panico, alterazione emotiva, euforia e rabbia, gioco e tristezza, tutto senza soluzione di continuità, al punto che l’uomo amato dalla due donne sembra l’uno l’opposto dell’altro, a cominciare in modo evidente dal suo nome: Vic per Lise, Clement per Alexandra.

Claude Miller prova a riannodare i fili spezzati di una storia d'amore e di anime, conducendo lo spettatore dentro un viaggio di dolore: viaggio anche reale per Lize, “solo” interiore per Alexandra. Un dolore che coinvolge i tre protagonisti, facendoci sentire quello estremo di Vic attraverso l’effetto devastante prodotto sulle due donne. Il regista esige molto dalla prova dei suoi attori e lo fa in modo diverso: la recitazione di Thierrée è molto fisica, la Sansa è portata ad una interpretazione molto trattenuta, la Hands rappresenta il punto di contatto tra i due estremi. Il risultato è dato dai preziosi accenni di verità suggeriti e sottolineati dalle immagini, tanto da allontanare ogni tipo di cliché.

Sono chiari i binomi classici di amore e morte, amore e dolore, arte e vita – specie per una storia di artista maledetto - tutti racchiusi dentro Vic, i cui segni dolorosi sono però evidenti nelle sue due compagne di vita. Un'atmosfera sospesa, di ghiaccio, sepolta dalla neve è lo sfondo per montare tre esistenze inconciliabili, tra le quali la vita di Vic è quella che scivola via inesorabile, una scomparsa preannunciata da gesti decisivi del suo passato – il rapporto col padre, ad es. Se il pianto finale di Alex è catartico e lascia cadere definitivamente la maschera indossata dalla giovane, il suo l'avvicinamento con Lise può forse rappresentare un nuovo inizio per entrambe, che non nasce dal superamento del dolore, non dalle risposte che nessuna delle due ha trovato ma dell’elaborazione minuziosa e faticosa, grazie proprio al loro incontro, di un dolore tanto grande.

 

Margherita Lamesta

Flash News

Nonostante l’ultimo rapporto CITES (la Convenzione internazionale sulle specie minacciate di estinzione) sullo stato degli elefanti e del commercio di avorio (presentato la scorsa settimana) riveli per il quinto anno consecutivo una leggera flessione dell’incidenza del bracconaggio sugli elefanti in Africa la popolazione di questi pachidermi continua ad essere in declino. Secondo l’IUCN negli ultimi 10 anni la popolazione è diminuita di 111.000 esemplari in tutta l’Africa.
Le cause sono appunto il bracconaggio - che continua a far strage di elefanti - la distruzione dell’habitat e la rapida espansione degli insediamenti e delle attività umane nei territori frequentati dagli elefanti, sia nelle savane sia nelle foreste. Secondo la relazione della CITES sono anche in aumento gli elefanti uccisi illegalmente perché in conflitto con le attività umane, come, ad esempio, l’agricoltura: proprio questo fattore, se non adeguatamente gestito, rischia di diventare determinante per il futuro degli elefanti visto che il continente africano è infatti interessato da un’intesa e rapida crescita demografica (Oggi l’Africa ha raggiunto oltre 1 miliardo e 250 milioni di abitanti e le Nazioni Unite prevedono che nel 2050 nel Continente Nero vi saranno oltre 2,5 miliardi di persone).. Il rapporto della CITES evidenzia anche come rimanga elevatissimo il commercio illegale di avorio, principale causa di bracconaggio agli elefanti: per il sesto anno consecutivo infatti si registrano cifre record rispetto al numero dei sequestri e alla quantità del materiale sequestrato. Secondo la CITES il peso dell’avorio sequestrato nel 2016 è sette volte superiore a quello sequestrato nel 2007.

Leggi tutto...

Cerca nel Sito

Archivio Agenziadistampa 2001-2012

Per Visitare il vecchio archivio Articoli di Agenziadistampa.eu andate alla pagina www.agenziadistampa.eu/index-archivio.html

Scienzeonline.com
Autorizzazione del Tribunale di Roma n 227/2006 del 29/05/2006 Agenzia di Stampa a periodicità quotidiana - Pubblicato a Roma - V. A. De Viti de Marco, 50 - Direttore Responsabile: Guido Donati.

Agenziadistampa.eu - tvnew.eu
Direttore Responsabile Guido Donati
Autorizzazione del Tribunale di Roma n 524/2001 del 4/12/2001 Agenzia di Stampa quotidiana - Pubblicata a Roma - V. A. De Viti de Marco, 50

Free business joomla templates