Questo sito utilizza cookie per implementare la tua navigazione e inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per saperne di più clicca leggi

Sei qui: HomeAutori Agenziadistampa.euAmbienteUn mare più protetto per risolvere le sfide globali

Un mare più protetto per risolvere le sfide globali

Valutazione attuale:  / 0
ScarsoOttimo 

Si apre lunedì 4 settembre in Cile il quarto Congresso Internazionale delle Aree Marine Protette, IMPAC4: Fino all’8 settembre circa 2.000 delegati provenienti da 80 paesi, che rappresentano la comunità mondiale a cui è affidata la gestione del mare protetto, si riuniranno per scambiare esperienze, conoscenze, idee e metodi per una più efficace gestione delle AMP (Aree Marine Protette) e una migliore conservazione della biodiversità marina e dell’eredità naturale e culturale degli oceani.
La relazione tra aree marine protette e cambiamento globale, il legame tra le comunità e la tutela degli oceani, l’analisi della gestione attuale di queste aree sono i temi al centro del Summit, organizzato dal Ministro cileno dell’Ambiente e la Commissione Mondiale per le Aree Protette (WCPA) legata all’IUCN (Unione Internazionale per la Conservazione della Natura).
Lo slogan di quest’anno è “Aree Marine Protette: per unire le persone e l’oceano”: quest’anno infatti ci si concentrerà sulla necessità di evidenziare l'intricata natura dei rapporti tra le persone e gli oceani e far emergere i benefici delle aree marine protette e dell'oceano per i milioni di persone che dipendono dai suoi servizi ecosistemici.

“Il successo di un’area marina protetta parte in primis dal coinvolgimento delle comunità locali - ha dichiarato Donatella Bianchi, Presidente di WWF Italia - Sono gli uomini e le donne di mare i migliori custodi del territorio costiero e delle risorse marine. Anche in Italia le Aree più dinamiche sono nate proprio ‘dal basso’ come il Plemmirio a Siracusa o l Riserva di Ustica . Anche per questo, nel mediterraneo il Santuario Pelagos creato per tutelare i mammiferi marini ad oggi non ha raggiunto gli obiettivi previsti. La Carta del partenariato , sottoscritta da molto comuni costieri, va proprio nella direzione del massimo coinvolgimento. Formule come queste consentono di avere Aree Marine Protette di successo”.

L’evento si svolgerà a La Serena_Coquimbo, un vero e proprio ‘balcone’ sull’oceano pacifico vicino ad una delle zone di grande interesse per la fauna marina e costiera, la Pingüino de Humbolt National Reserve. Tra le autorità è prevista la presenza del Principe Alberto di Monaco, l’oceanografa Sylvia Earle e la Presidente del WWF internazionale, Yolanda Kakabadse.

IMPAC4 è una delle ultime tappe lungo la strada delle conferenze sulla conservazione marina prima che si raggiunga la scadenza del 2020 per gli Aichi Target: la conferenza servirà infatti a valutare l’efficacia del lavoro attuale nelle AMP rispetto al raggiungimento dell'obiettivo 11, ovvero, la protezione del 10% delle aree marine e costiere attraverso un’efficace rete di aree protette. Verranno anche valutati i progressi dell'obiettivo 14 dei Sustainable Development Goals, proteggere gli oceani e le risorse marine per uno sviluppo sostenibile. Il convegno sarà anche una grande opportunità per richiamare l'attenzione sull'importante ruolo degli oceani nel controllo del clima del pianeta, esortando a proteggere questo servizio ecosistemico cruciale.

Il WWF ricorda che solo il 3% degli oceani del mondo è protetto attraverso aree marine protette designate (circa 10.600 con diverse categorie di tutela) e solo l'1% dell'oceano si trova all’interno di riserve marine integrali, dove nessuna attività umana è permessa. Secondo uno studio commissionato dal WWF, una protezione del 10% dell’oceano attraverso le AMP garantirebbe servizi ecosistemici per un valore tra i 622 e i 923 miliardi di US$ nel periodo compreso tra il 2015 e il 2050. Una protezione del 30% garantirebbe benefici tra i 719 e i 1145 miliardi di US$ per lo stesso periodo di tempo. Proteggere la salute dell'oceano è quindi come aprire un conto bancario. Il conto conserva il capitale investito e genera ampi interessi dei quali sia la società sia gli individui possono beneficiare.

IL PROGRAMMA
IMPAC4 vuole ispirare nuove generazioni di leader delle AMP e ottenere un forte coinvolgimento dei giovani. La delegazione internazionale del WWF sarà presente con diversi eventi per promuovere idee innovative e iniziative basate sul coinvolgimento delle comunità che dal mare dipendono, verranno promosse collaborazioni regionali e globali e rafforzata l'interfaccia scienza-politica.
Il convegno prevede una discussione approfondita di questioni emergenti, quali il ruolo e il contributo delle AMP all'ecosistema e alla resilienza degli oceani e delle comunità, al recupero degli oceani e alla ricostruzione delle popolazioni ittiche sfruttate dalla pesca; la conservazione di mari polari e temperati; AMP e cambiamenti climatici; AMP e pianificazione spaziale marina; le sfide delle AMP nel mondo in via di sviluppo, la protezione delle zone degli oceani oltre le giurisdizioni nazionali e molti altri temi ancora.

Le Aree Marine Protette (AMP) che proteggono efficacemente habitat critici, specie e funzioni ecologiche sono uno strumento essenziale per il recupero, la protezione e l’aumento della biodiversità, produttività e resilienza degli oceani, e assicurano il rifornimento di beni e servizi ecosistemici per le generazioni attuali e future.

Aggiungi commento

Codice di sicurezza
Aggiorna

Flash News

Bruner et al Annals of Anatomy 2017

Emiliano Bruner, paleoneurólogo del Centro Nacional de Investigación sobre la Evolución Humana (CENIEH), lidera un nuevo estudio que se acaba de publicar en la revista Annals of Anatomy, sobre la anatomía de los lóbulos parietales en los humanos modernos, en particular sobre el elemento más interno de éstos distritos cerebrales, el precúneo, clave en la diversidad anatómica cerebral.

Para este estudio Emiliano Bruner y su equipo han evaluado la forma cerebral de más de 250 sujetos de diferentes razas, confirmando que, también cuando se considera una amplia diversidad genética, el tamaño del precúneo es el carácter más variable entre individuos adultos. Además, “un tamaño más grande en estas áreas parietales se asocia a veces también a una mayor complejidad de los surcos cerebrales”, añade.

Leggi tutto...

Cerca nel Sito

Archivio Agenziadistampa 2001-2012

Per Visitare il vecchio archivio Articoli di Agenziadistampa.eu andate alla pagina www.agenziadistampa.eu/index-archivio.html

Scienzeonline.com
Autorizzazione del Tribunale di Roma n 227/2006 del 29/05/2006 Agenzia di Stampa a periodicità quotidiana - Pubblicato a Roma - V. A. De Viti de Marco, 50 - Direttore Responsabile: Guido Donati.

Agenziadistampa.eu - tvnew.eu
Direttore Responsabile Guido Donati
Autorizzazione del Tribunale di Roma n 524/2001 del 4/12/2001 Agenzia di Stampa quotidiana - Pubblicata a Roma - V. A. De Viti de Marco, 50

Free business joomla templates