Questo sito utilizza cookie per implementare la tua navigazione e inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per saperne di più clicca leggi

Aggregati molecolari di poliammine (s-ivNAP) in associazione al DNA genomico.

Valutazione attuale:  / 0
ScarsoOttimo 
Uno studio di ricercatori italiani dell'Istituto di Scienze dell'Alimentazione (ISA) del CNR di Avellino, pubblicato sulla prestigiosa rivista Biomacromolecules, suggerisce una nuova visione dei meccanismi di protezione e folding del DNA e, quindi, del rapporto esistente tra la sua struttura e la sua funzione

Image 

Il gruppo di lavoro, costituito da Giuseppe Iacomino, Gianluca Picariello e Luciano D'Agostino, in collaborazione con l'Università degli Studi di Foggia (Aldo Di Luccia)  e Genova (Francesca Sbrana e Roberto Raiteri), ha dimostrato che le poliammine hanno la propensione, in condizioni fisico-chimiche che simulano quelle fisiologiche, ad auto-assemblarsi per formare aggregati con strutture tridimensionali ben definite di tipo tubulare. Le immagini al microscopio a forza atomica forniscono una visione diretta del fenomeno di avvolgimento del DNA genomico da parte degli aggregati di poliammine. Grazie alle loro proprietà plastiche, tali complessi potrebbero essere in grado di guidare ed assecondare le modificazioni strutturali del DNA.


"E' perfettamente ragionevole e quasi inevitabile che la struttura tridimensionale del DNA influenzi il suo funzionamento", ha dichiarato Raffaele Coppola, direttore dell'ISA. "Questa nuova visione nell'organizzazione del nucleo della cellula potrebbe aiutare gli scienziati a esplorare come la forma stessa del genoma e non solo la sequenza del DNA possa influenzare tutte le funzioni cellulari, dall'ontogenesi all'omeostasi cellulare e allo sviluppo di condizioni patologiche".
"I nostri risultati, aggiungono i ricercatori del CNR, offrono una possibile chiave di lettura ai meccanismi che presiedono al controllo dell'assetto spaziale del DNA. Inoltre, questo studio può realizzare una connessione tra la forma del genoma e la funzione del gene che potrebbe, in ultima analisi, aiutare a comprendere aspetti che rimangono spesso inesplicati dalla genomica focalizzata tradizionalmente sulla sequenza".
La definizione delle caratteristiche di strutturazione degli aggregati di poliammine fornisce, quindi, alcuni tasselli mancanti al mosaico della  conoscenza dei meccanismi molecolari che presiedono alle funzioni ed alla struttura del DNA, ma produce inevitabilmente nuovi interrogativi.

La scheda:
Che cosa:
identificato una  nuova classe di aggregati supra-molecolari in grado di strutturare il DNA - studio pubblicato sulla rivista Biomacromolecules (PMID: 21401020).
Chi: Istituto di Scienze dell'Alimentazione del CNR di Avellino.